Martedì, 05 Luglio 2011 16:10

Siria. L'esercito spara contro i civili, 11 morti e 40 feriti

Scritto da

DAMASCO - Faiz Sara, portavoce del Comitato di coordinamento locale in Siria, in collegamento telefonico con la tv araba al-Jazeera, ha dichiarato che oggi l'esercito siriano ha fatto fuoco nella città di Hama contro una folla di attivisti. Il primo bilancio parlava di 7 morti e 40 feriti. Pochi minuti dopo, un'altra fonte dello stesso comitato ha portato a 11 il numero delle vittime.

"Le forze di sicurezza - ha detto la fonte - e le bande di lealisti armati (shabbiha) sono arrivati attorno alle 12 nei pressi della rotonda della stazione ferroviaria (ingresso occidentale di Hama) a bordo di sei autobus e supportati da buldozzer per rimuovere le barriere erette dalla cittadinanza per impedire l'invasione dell'esercito". L'uomo del comitato - che ha preferito rimanere anonimo - ha poi spiegato: "Gli agenti e gli shabbiha hanno aperto il fuoco contro le barricate e ad altezza uomo, uccidendo undici persone. I ragazzi avevano eretto barricate con pneumatici e cassonetti sin dalle 5 di stamani e oggi hanno risposto lanciando pietre alle forze di sicurezza, incaricate di aprire la strada ai carri armati".

 

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]