Giovedì, 13 Ottobre 2016 11:17

Germania. Il terrorista suicida, uno “scandalo del sistema giudiziario”

Scritto da

BERLINO - Misteriosa morte nella cella nel carcere di Lipsia di Jaber al Bakr, il siriano arrestato nei giorni scorsi in Germania perché sospettato di voler portare a termine un attentato in un aeroporto. 

Infatti, come dice  il deputato verde Tobias Lindner, com’è potuto accadere, specie se si tratta di un sospetto così importante per le indagini? Non dovrebbe essere visto giorno e notte?

Invece Jaber al-Bakr si sarebbe impiccato, evitando così un confronto con gli inquirenti che avrebbe potuto portare utili informazioni magari per sgominare altri terroristi dello stato islamico. Non a caso l'avvocato difensore di Al-Bakr, Alexander Huebner, parla di "scandalo del sistema giudiziario" dal momento che i responsabili del carcere gli avevano assicurato che il suo cliente era sotto costante osservazione per scongiurare il rischio di un suicidio. 

Al-Bakr era stato arrestato lunedì scorso dopo due giorni di caccia all'uomo scattata in seguito al ritrovamento di esplosivi ed altri materiali per la realizzazione di una bomba nel suo appartamento di Chemnitz. Sfuggito per un soffio all'arresto, l'uomo era stato consegnato alla polizia da tre rifugiati siriani ai quali si era rivolto per avere aiuto. Secondo fonti degli inquirenti, durante gli interrogatori al Bakr avrebbe accusato i tre, che sono stati lodati come eroi, di essere stati al corrente da tempo dei suoi piani terroristici, ma l'accusa non sarebbe stata verificata. Secondo quanto dichiarato dal capo dell'intelligence interna tedesca, Hans-Georg Maassen, il piano di al Bakr era di attaccare uno degli aeroporti di Berlino e se non fosse stato scoperto ed arrestato l'uomo avrebbe agito nei prossimi giorni. 

Arrivato in Germania come rifugiato all'inizio del 2015, al Bakr da allora aveva fatto ritorno alla città siriana di Idilb, secondo quanto riportato dall'emittente tedesca Mdr. E dopo il suo ritorno aveva cominciato a mostrare segni di radicalizzazione, avevano raccontato i suoi coinquilini di Eilunburg. Il ministro dell'Interno tedesco, Thomas de Maiziere, ieri ha confermato che l'uomo era stato indagato nel 2015 ma non era stato trovato nulla a suo carico. 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]