Giovedì, 14 Luglio 2011 09:56

Il Bulgaria inabissato. Ora si cercano i responsabili

Scritto da

ROMA - Il 12 luglio in Russia e’ stato proclamato il lutto nazionale per ricordare le vittime di “Bulgaria”, nave da crociera affondata nel Volga. A bordo , secondo quanto riferisce Serghej Shojgu, capo della Protezione civile della Russia, si trovavano 208 persone, tra cui 80 tratte in salvo. Secondo i testimoni oculari, la nave e’ affondata in pochi minuti dopo una virata di dritta troppo stretta.

Alcune decine di naufragi hanno trovato rifugio a bordo della nave Arabella, che passava nelle vicinanze, mentre solo in seguito sono arrivati soccorritori attrezzati con elicotteri e decine di mezzi tecnici, e,  nonostante il temporale, i lavori di salvataggio sono andati avanti per tutta la notte. Medvedev ha dichiarato : ”Ho incaricato il governo di costituire una commissione statale d’inchiesta per chiarire le circostanze dell’incidente. Sara’ guidata dal ministro dei trasporti. E’ ormai evidente che un incidente del genere  non sarebbe successo se fossero state rispettate tutte le norme di sicurezza e del controllo tecnico, anche tenendo conto delle condizioni meteo sfavorevoli. Bisogna chiarire minuziosamente cosa e’ accaduto, perche’ il proprietario della nave la usava nonostante le condizioni in cui versava. Inoltre e’ necessario controllare i mezzi di trasporto, tutti quanti.” A conferma di questo, il capo dell’ufficio stampa della Protezione Civile, Irina Andrianova ha affermato che “I rinforzi sono arrivati per tutta la notte.

 

Al momento all’operazione partecipano 329 soccorritori, fra cui 91 palombari, con 74 mezzi tecnici. Si tratta degli specialisti giunti da Mosca, inviati dal Centro per emergenze “ZentroSpas”, dalla regione di Krasnodar, dal Tatarstan e dalla vicina Bashkiria. Sono state fornite tutte le attrezzature necessarie. La nave, costruita a Bulgaria, batte bandiera dal 1955:  mancava della licenza per il trasporto passeggeri ed era partita da Kazan con un motore in avaria, oltre che con un assetto anormale.
Svetlana Iniakina, direttore generale di Argorechtur, la compagnia che ha noleggiato il battello, e Iakov Ivashov, un funzionario del Registro del trasporto sul fiume Kama preposto al controllo tenico dei natanti sono stati posti in stato di fermo di polizia. Lo riferisce l’agenzia Interfax, citando il portavoce del comitato investigativo. Entrambi rischiano sino a 10 anni di prigione.  Le ipotesi di reato riguardano la violazione delle norme di sicurezza che hanno provocato la morte dei passeggeri. E’ stata aperta anche un’indagine per omissione di soccorso nei confronti dei comandanti delle due navi (Arbat e Dunaiski-66) che non hanno prestato aiuto ai naufraghi: rischiano sino a due anni di galera. 
A bordo si trovavano numerosi bambini.
Le operazioni di recupero sono condotte da alcuni sommozzatori muniti di attrezzature speciali che hanno partecipato, in particolare, all’operazione per il recupero del sommergibile “Kursk” . La Commissione governativa per l’indagine sulla perdita della motonave ha adottato la decisione di riportare a galla la “Bulgaria", operazione che  inizierà il 16 luglio.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]