Sabato, 17 Dicembre 2016 08:15

Afghanistan, massacrate 5 donne dipendenti aeroporto Kandahar

Scritto da

KANDAHAR - Cinque donne, tutte dipendenti dell'aeroporto di Kandahar, sono state uccise assieme all'autista del pulmino sul quale viaggiavano dirette al lavoro da tre uomini a bordo di alcune motociclette. Lo ha riferito il portavoce della polizia provinciale, Samim Kheplwak.

"Tutte le donne e l'autista che erano a bordo del pulmino sono stati uccisi. Gli aggressori sono fuggiti, abbiamo aperto un'inchiesta". Il direttore del Kandahar International Airport, Ahmadullah Faizi, ha spiegato che le donne erano dipendenti di una compagnia privata che effettua le ispezioni di sicurezza sui bagagli e sulle passeggere donne. Le vittime avevano denunciato in passato minacce nei loro confronti da parte di sconosciuti che non approvavano il loro lavoro. Al momento non c'è stata alcuna rivendicazione dell'attacco, attribuito dalle autorità a militanti talebani. In Afghanistan le donne continuano ad essere vittime di violenze, oppressione e abusi. Secondo l'ufficio della procura generale afgana, nei primi otto mesi del 2016 sono stati registrati 3.700 casi di violenze contro le donne.  

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]