Venerdì, 30 Giugno 2017 12:26

I medici negano a Charlie di morire a casa

Scritto da

LONDRA  - Al cosiddetto "esercito di Charlie" che ha donato 1,4 milione di sterline per le cure negli Stati Uniti che gli sono state negate, i genitori hanno fatto sapere che "Charlie morirà sapendo che è stato amato da migliaia di persone - grazie a tutti per il vostro sostegno".

La Corte europea dei diritti umani, interpellata sulla drammatica vicenda, ha dato ragione ai tribunali britannici che hanno sostenuto la legalità della sospensione delle cure al bimbo, colpito da una rarissima malattia genetica, che non lascia speranze di sopravvivenza. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Opinioni

Il nuovo Rinascimento parte dalla Scienza

ROMA - “La scienza ha consentito di superare la crisi del periodo post bellico, promuovendo con le sue ricerche lo sviluppo industriale. L’Italia in dieci anni è passata da Paese...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Coaching: cosa è e a chi è utile

Liberare le potenzialità di una persona perché riesca a portare al massimo il suo rendimento; aiutarla ad apprendere piuttosto che limitarsi ad impartirle insegnamenti. ( Whitmore, 2006 ) 

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077