Venerdì, 30 Giugno 2017 12:26

I medici negano a Charlie di morire a casa

Scritto da

LONDRA  - Al cosiddetto "esercito di Charlie" che ha donato 1,4 milione di sterline per le cure negli Stati Uniti che gli sono state negate, i genitori hanno fatto sapere che "Charlie morirà sapendo che è stato amato da migliaia di persone - grazie a tutti per il vostro sostegno".

La Corte europea dei diritti umani, interpellata sulla drammatica vicenda, ha dato ragione ai tribunali britannici che hanno sostenuto la legalità della sospensione delle cure al bimbo, colpito da una rarissima malattia genetica, che non lascia speranze di sopravvivenza. 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]