Domenica, 25 Dicembre 2011 10:31

Nigeria. Attentato in una chiesa durante la messa di Natale. Una carneficina

Scritto da

ULTIMORA - Sarebbero 15 cadaveri rinvenuti nella nella chiesa di Santa Teresa teatro dell'attentato in Nigeria. Lo ha detto uno dei soccorritori esprimendo il timore che il bilancio delle vittime  possa salire ancora. Un testimone, che dichiarato di aver contato 19 vittime, ha raccontato di aver sentito l'esplosione e che la sua casa ha  tremato. "Ho contato 19 cadaveri, molti dei quali mutilati e 5 auto distrutte", ha detto ai cronisti presenti sul luogo.

ABUJA - Una bomba è esplosa oggi durante la messa di Natale nella popolosa zona di Madala. La massiccia esplosione ha investito la chiesa di S. Teresa, ci sono vittime ma le Autorità non sono ancora in grado di stabilire quante. Secondo le agenzie, non ci sarebbero abbastanza ambulanze per soccorrere tutti i feriti nella zona circostante, i soccorsi stanno ancora lavorando per riuscire ad accedere in ciò che rimane dell’edificio religioso.  Al momento non ci sono state rivendicazioni, ma i sospetti ricadono sull’organizzazione terroristica islamica “Boko Haram” (in lingua nigeriana “l’educazione occidentale è peccato”), già responsabile di altri attentati.
I disordini, infatti, investono il paese da giorni, nelle città di Damaturu e Potiskum, nel Nord Est, le autorità danno notizia di circa 100 vittime dopo gli scontri tra la polizia e il gruppo terroristico
Un portavoce dell’organizzazione terroristica ha dichiarato all’agenzia di stampa internazionale AFP “Siamo i responsabili degli attacchi nelle città di Maiduguri, Damaturu e Potiskum, abbiamo iniziato questa guerra per vendicare i nostri fratelli musulmani uccisi dalle forze dell’ordine nel 2009, continueremo questa lotta fino a quando non sconfiggeremo questo sistema secolare  e  porteremo al potere uno stato islamico”
Boko Haram è la stessa organizzazione responsabile, nello scorso agosto , dell’attacco suicida al quartier generale delle Nazioni Uniti ad Abuja, la capitale nigeriana. Solo durante il 2011 si sono macchiati di 450 uccisioni in tutto il Paese. Poco si sa delle loro risorse e delle loro fonti di sostentamento. Sembra siano coinvolti anche in una serie di rapine ai danni di molte banche nel Nord della Nigeria.


La Repubblica Federale della Nigeria, è lo stato più popoloso del continente, con oltre 160milioni di abitanti, è una repubblica costituzionale di tipo federale comprendente 36 stati. La Nigeria è il maggiore produttore di petrolio in Africa e l’ottavo nel mondo. L’otto percento del petrolio importato dagli Stati Uniti arriva direttamente dal Delta del Niger. La Shell è la principale società petrolifera attiva nel paese.
Tra i rapporti diffusi da Wikileaks lo scorso anno, uno parlava della Shell e dei suoi rapporti con il governo nigeriano. La compagnia energetica avrebbe scambiato informazioni di intelligence con gli Stati Uniti: l’azienda petrolifera avrebbe fornito ai diplomatici americani nomi di politici nigeriani sospettati di sostenere le attività di guerriglia nel paese e gli Stati Uniti avrebbero girato alla Shell informazioni sulla possibilità che i guerriglieri si fossero muniti di missili antiaerei.  
La mappa delle rivolte colora di rosso nazioni di tutto il pianeta, il “regime delle masse“ sembra diventare la cultura politica di un intera generazione. “Auguri e buona Rivoluzione a tutti”.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]