Mercoledì, 18 Gennaio 2012 14:50

Corruzione e land grabbing: anche Wanggang alza la voce

Scritto da

PECHINO (corrispondente) - La terra del Guangdong continua a scottare. Nella giornata di ieri, circa un migliaio di cttadini infuriate si è radunato di fronte alla sede del governo della città di Canton, mentre bandiere colorate e striscioni di protesta ondeggiavano al vento.

Risarcimenti adeguati per il sequestro delle proprie terre e la sospensione del segretario del partito locale: questo quanto richiesto dagli abitanti del villaggio di Wanggang, cittadina situate nella parte orientale della provincia che più di ogn'altra ha trainato lo sviluppo economico del Paese.  Ad un mese dalla rivolta di Wukan ( http://www.dazebaonews.it/mondo/item/7361-rivolte-a-wukan-arrestato-muore-in-circostanze-sospette) , la tempesta torna ad infuriare sulla questione del land grabbing, una delle piaghe che affligge più dolorosamente il popolo cinese, alimentata in buona parte dal problema endemico della corruzione dei funzionari locali. E mentre i petitioner invocavano giustizia davanti ai palazzi del potere provinciali, a qualche chilometro di distanza il congresso del popolo celebrava la chiusura della sessione annuale.

Come raccontato da Li Hongding, 32 anni residente a Wanggang, è la terza volta che i cittadini del villaggio bussano invano alle porte dei palazzi governativi per far sentire la propia voce. Il timore diffuse è che, se non si procederà immediatamente con una  campagna di investigazione sull'operato dell’amministrazione locale, ben presto tutti i terreni sino ad oggi di proprità dei cittadini verranno espropriati con la forza.

Ma alla rabbia e alla disperazione hanno fatto ben presto seguito le minacce. “Se la questione non sarà risolta correttamente trasformeremo il nostro villaggio in una seconda Wukan” hanno intimato i leader della protesta. “Vogliamo far sentire al governo la nostra voce mentre è in corso il congresso del popolo provinciale” ha continuato Li “a Wanggang il regime comunista è stato rimpiazzato da un potere corrotto affiliato alle gang mafiose delle triadi. La terra ci è stata lasciata in eredità da I nostri antenati e lotteremo sino a che non ci verrà restituita”. Dopo ore di attesa, Xie Xiaodan, nuovo vice sindaco di Canton addetto alla sicurezza pubblica e ai reclami, ha incontrato alcuni rappresentanti del villaggio presso l'ufficio delle petizioni. I manifestanti hanno puntato il ditto contro il segretario del partito di villaggio, Li Zhihang, colpevole di aver intascato oltre 400milioni di yuan dall'affitto di terre collettive, di aver sottratto 850milioni di yuan dalle cooperative di villaggio nonché di essere intervenuto illegalmente nelle elezioni locali.

Li Zhizhang, non verrà sospeso dal suo incarico, come richiesto dai manifestanti, ma Xie ha assicurato che sarà immediatamente sottoposto ad indagini, il cui esito verrà reso noto il 19 febbraio. La decisione delle autorità è suonata tanto come il contentino di rito, volto ad ammansire i cittadini scontenti. E i petitioner a questi infruttuosi compromessi non ci stanno piu’. Alcune centinaia di irriducibili continuano a dimostrare davanti alla sede del governo di Canton, richiedendo una dichiarazione scritta di quanto promesso dal vice sindaco Xie. “Abbiamo paura delle rappresaglie, una volta tornati a Wanggang- ha affermato uno degli abitanti del villaggio- Li Zhizhang ha relazioni strette con le triadi e noi in passato abbiamo gia’ assaggiato i loro pugni e il loro bullismo”.

Il caso Wanggang non è che l’ennesima gatta da pelare per il capo del partito del Guangdong Wang Yang, balzato agli onori della cronaca per aver saputo gestire magistralmente i disordini di Wukan. Tempo fa proprio Wang avevo dichiarato che la provincia meridionale della Cina avrebbe adottato il così detto “metodo Wukan” come modello di riforma della propria governance. “Coraggioso, liberale e con una mentalità da leader moderno” -come scriveva a metà dicembre il South China Morning Post- Wang Yang ha più volte posto l’accento sulla necessità di migliorare le condizioni dei lavoratori, eliminare le discriminazioni e facilitare il progresso di integrazione urbana, sottolineando come le modalità adottate nella gestione dell'incidente di Wukan “andrebbero prese come un insegnamento in tutta la provincia”.

Proprio ieri il giornale del Partito comunista, Qiushi, ha pubblicato un articolo recante la firma dell’alto quadro del Guangdong in cui veniva ribadita la necessità di anteporre a tutto gli interessi del popolo. Molti gli elogi ma altrettante le critiche mosse dai colleghi più conservatori, convinti che la politica del guanto di velluto utilizzata da Wang possa lasciare spazio all'insorgere di nuovi episodi simil-Wukan.

Le proteste di Wanggang giungono in un momento particolarmente delicato per la dirigenza politica cinese. Giusto in questi giorni, nella provincia dello Shanxi, 51 persone sono finite in manette con l'accusa di estorsione, traffico d'armi e altri reati. 68 i funzionari risultati implicati nell'attività mafiosa della gang, mentre il boss è risultato essere Ma Feng, ex pubblico ministero che, spalleggiato da dipendenti del governo e forze di polizia, per anni ha estorto denaro a commercianti e imprenditori locali. Il fenomeno della corruzione tra i quadri del partito non accenna a diminuire, e se la rivolta di Wanggang non è stato il primo episodio di rimostranza popolare, qualcosa fa tanto pensare che non sarà nemmeno l'ultimo.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Prima edizione di “Sinfonia d’impresa”, dedicata a Glauco Dei

MONTEPULCIANO - Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]