Venerdì, 17 Febbraio 2017 11:03

Usa. Trump perde pezzi. Se ne va Harward

Scritto da

Il viceammiraglio rinuncia alla nomina a consigliere per la sicurezza nazionale

WASHINGTON - Robert S. Harward, viceammiraglio in congedo, ex Navy seal nonche' amministratore delegato della Lockheed Martin negli Emirati Arabi Uniti, ha rifiutato la nomina a consigliere per la sicurezza nazionale Usa, incarico vacante dopo le dimissioni di Michael Flynn. "Per essere svolto al meglio, questo lavoro richiede un impegno e una concentrazione costanti, 24 ore al giorno e sette giorni su sette. Al momento non posso assumermi questo impegno", ha dichiarato l'ufficiale pluridecorato. Fonti anonime dell'amministrazione presidenziale citate dal "New York Times" hanno confermato che Harward ha declinato l'offerta del presidente Usa, Donald Trump, citando "ragioni familiari e finanziarie"; in realta', insinuano le stesse fonti, Harward non intenderebbe legarsi a una amministrazione presidenziale che giudica responsabile d'aver scatenato "il caos" a Washington. Secondo il quotidiano, il rifiuto di Harward rappresenta un'altra pesante battuta d'arresto per l'amministrazione Trump, gia' in subbuglio dopo le dimissioni di Flynn e le rinnovate accuse di contatti con la Russia provenienti da fonti dell'intelligence. Harward incarnava un profilo agli antipodi rispetto a quello di Flynn, e per questo la notizia della sua possibile nomina al posto di Flynn aveva suscitato reazioni entusiastiche anche da parte dei Democratici. Anche secondo il "Wall Street Journal", il rifiuto dell'ufficiale pluridecorato priva l'amministrazione Trump di un'occasione per "ristabilire un equilibrio nell'apparato di sicurezza della Casa Bianca".  

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Incendi: un male mondiale

Uno dei fenomeni che sta caratterizzando questa torrida estate è l’impressionante numero di incendi.

C.Alessandro Mauceri - avatar C.Alessandro Mauceri

Caso Regeni: per il governo sono più importanti i rapporti commerciali che la di…

Ritirato dall'Egitto come strumento di pressione affinché il governo di Al-Sisi collaborasse per ottenere la verità sui colpevoli del rapimento, delle torture e dell'uccisione di Giulio Regeni, l'Ambasciatore italiano tornerà...

Patrizio Gonnella - avatar Patrizio Gonnella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208