Lunedì, 19 Marzo 2018 17:28

Arexpo, parte l’officina sull’impatto sociale e ambientale

Scritto da

E' '10 tavoli di lavoro per 100 anni di sviluppo sostenibile' il nome dell'iniziativa che si è svolta oggi in cascina Triulza e che ha dato il via a un percorso partecipativo, voluto da Fondazione Triulza e dalla sua rete di organizzazione del terzo settore, per mettere al centro dello sviluppo del sito Arexpo l'impatto sociale e ambientale.

Ai primi tavoli di lavoro hanno partecipato oltre 200 persone: rappresentanti della società civile organizzata, della filantropia, degli enti locali, del mondo delle università e della ricerca, dell'ambito imprenditoriale, insieme ai principali stakeholder coinvolti nello sviluppo del nuovo Parco della Scienza, del Sapere e dell'Innovazione. L'iniziativa è stata organizzata in partnership con Arexpo, società pubblica proprietaria del sito, e Lendlease, gruppo internazionale che gestirà lo sviluppo e i futuri insediamenti. Al lancio dei tavoli ha partecipato inoltre Fondazione Cariplo, ente filantropico che da sempre segue i progetti culturali e di innovazione sociale di Fondazione Triulza. Le proposte, i progetti e le linee guida sull'impatto sociale e ambientale che sono emerse nei tavoli già da questo primo appuntamento saranno rielaborate e condivise tra Fondazione Triulza, Arexpo e LendLease e restituite a tutti i partecipanti, stakeholder e istituzioni per arricchire il masterplan dell'area con i risultati dei tavoli. "Oggi abbiamo avuto conferma che la difficile scelta intrapresa da Fondazione Triulza di rimanere sul sito dopo la fine di Expo è stata la cosa giusta da fare. Creare momenti di confronto tra persone e realtà molto diverse tra di loro è un approccio innovativo e fondamentale per portare al centro del progetto di sviluppo del Parco l'impatto sociale e ambientale, questo è il dovere della società civile organizzata", ha dichiarato Massimo Minelli, presidente di Fondazione Triulza.

"Siamo certi di avere intrapreso il percorso giusto perché la pluralità e la coralità sono per noi garanzia di condivisione di nuovi modelli di sviluppo tesi alla costruzione di un mondo più equo, giusto e sostenibile. Questa è la missione dell'Officina dell'impatto sociale e ambientale che nasce in Cascina Triulza per contribuire a rendere il nuovo Parco della Scienza un ecosistema unico e distintivo a livello internazionale" ha sottolineato Minelli. "Da oggi siamo tutti coinvolti nel dare vita ad iniziative e progetti che possano segnare una tappa importante per lo sviluppo sostenibile in questa area e quindi nel contesto della nostra contemporaneità. Per questo sarà nostro interesse curare che questo processo di partecipazione continui in modo proficuo ed efficiente", ha concluso. "Il nostro Paese soffre di un deficit di innovazione sociale nel settore del welfare, delle politiche culturali e ambientali e sta oggi pagando gli effetti di anni di tagli di risorse pubbliche", ha invece spiegato Giuseppe Guzzetti, presidente di Fondazione Cariplo. "Il terzo settore è visibilmente cresciuto, maturato. Lo chiamiamo 'Terzo Settore Evoluto' ed è pronto al salto di qualità. Spesso sta facendo supplenza allo Stato, il che non è giusto; ma può ricoprire ancora di più quel ruolo di terzo pilastro dell'economia del nostro Paese, a fianco del pubblico e del privato. Ha però bisogno di un ulteriore passo in avanti, che si può fare con formazione adeguata e sostegno economico, anche sotto forma di capitale paziente. Servono idee, coraggio, visione innovativa e nuove competenze", ha evidenziato Guzzetti. 

"La sostenibilità sociale e ambientale è un punto cardine del Parco della Scienza e dell'innovazione che stiamo realizzando nell'area di Arexpo. Un progetto - spiega l'amministratore delegato di Arexpo Giuseppe Bonomi - che è rivolto soprattutto ai giovani, agli studenti, ai ricercatori e che sarà un modello di una vera e propria 'città sostenibile'. Fondazione Triulza ci accompagnerà in questo percorso e il confronto continuo con i soggetti impegnati su questi temi consentirà di trovare le migliori soluzioni per il futuro". Lendlease "è felice di essere partner di questa importante iniziativa. L'impatto sociale e ambientale sono uno degli elementi principali nei progetti di rigenerazione urbana, e l'interesse di Lendlease è quello di implementare questi aspetti sin dalle fasi iniziali del progetto, rendendoli una delle caratteristiche salienti dell'intero sviluppo", ha dichiarato Andrea Ruckstuhl, head of Italy & Continental Europe Lendlease. "Le aree metropolitane sono il luogo d'elezione per le sperimentazioni di questi aspetti. Il masterplan sarà concepito e gestito secondo una logica fortemente outcome-based: la profittabilità di lungo termine dell'investimento sarà infatti legata al benessere e alla qualità della vita delle comunità che vivranno e lavoreranno nell'area interessata", ha concluso. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Cultura

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077