Mercoledì, 24 Ottobre 2018 13:44

Cristalli di silicio trasformano le finestre in pannelli fotovoltaici. Da Bologna una ricerca rivoluzionaria

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Protagonisti del progetto l’Alma Mater di Bologna col sostegno di Eni

Cristalli microscopici di silicio che assorbono e rimandano i raggi luminosi da convertire in energia elettrica, da usare per trasformare le finestre in pannelli fotovoltaici. E un impianto pilota ad alta tecnologia per far avanzare l'acquacoltura in Egitto. Sono i due progetti avviati dall'Alma Mater di Bologna col sostegno di Eni, in seguito all'accordo di collaborazione stipulato nel 2017 in occasione del G7 ambiente sotto le Due torri. L'Universita' felsinea e il colosso dell'energia hanno fatto il punto questa mattina a Bologna sul primo anno di attivita' insieme. L'accordo, di durata triennale e del valore di cinque milioni di euro, ha dato il via a progetti di sviluppo e di ricerca sui temi dell'energia. 

Per il primo anno di collaborazione Eni ha stanziato 1,4 milioni di euro e ad oggi sono stati attivati sette workshop e 11 contratti di ricerca in otto dipartimenti dell'Alma Mater, con il coinvolgimento di 15 gruppi di scienziati. Uno di questi progetti riguarda appunto lo studio sui nanocristalli di silicio, portato avanti dai ricercatori del dipartimento di Chimica dell'Ateneo e dal centro ricerche Eni, che ha sviluppato una nuova tecnologia: i concentratori solari luminescenti, ovvero pannelli di materiale plastico trasparenti, riempiti di coloranti fluorescenti che assorbono la luce e la rimandano verso l'esterno in forma colorata, illuminando in particolare i bordi. "È lo stesso principio del cucchiaino di plastica del gelato- spiega Paola Ceroni dell'Alma Mater, curatrice del progetto- quando la luce del sole lo colpisce, diventa fluorescente e il colore e' piu' intenso soprattutto sui bordi". 

L'idea e' di sfruttare questa energia luminosa applicando lungo i bordi della piastra minuscoli pannelli fotovoltaici, in grado di trasformare la luce riflessa in elettricita'. Da qui alla creazione di una finestra 'intelligente', che produce energia ogni volta che la luce la colpisce, il passo e' breve. Il team dell'Alma Mater sta studiando dunque come applicare i nanocristalli di silicio a questi concentratori solari, per migliorarne l'efficienza rispetto al semplice colorante. "Il silicio e' un materiale molto abbondante sulla Terra- spiega Ceroni- non e' tossico e non da' problemi di riassorbimento della luce, una volta emessa".

Trattati in maniera da evitare l'ossidazione e da spanderli con omogeneita' all'interno del pannello, i cristalli di silicio possono anche essere potenziati con un colorante in grado di assorbire ancora piu' luce. In questo modo, la tecnologia risulta ancora piu' efficiente. Il secondo progetto portato avanti da Alma Mater ed Eni riguarda la creazione di un nuovo distretto di acquacoltura in Egitto, a Port Said, vicino all'impianto di Zohr, attivo sul piu' grande giacimento di gas nel Mediterraneo scoperto da Eni.

"L'acquacoltura in Egitto e' una delle attivita' principali- spiega Alessio Bonaldo del dipartimento di Scienze veterinarie dell'Ateneo di Bologna- produce dieci volte piu' dell'Italia, ma con tecniche ormai superati e non sostenibili". 

Ad esempio, nei laghi artificiali per l'allevamento dei pesci vengono usate pompe a benzina (quindi inquinanti) per la circolazione dell'acqua e scarti di pesce come alimentazione. Il progetto di Eni e Alma Mater prevede dunque la creazione di un nuovo distretto di acquacoltura ad alta tecnologia, come progetto pilota per gli allevatori egiziani.

Prevista anche attivita' di formazione e interventi immediati per rendere piu' sostenibili le aziende locali, come fornitura di pompe elettriche per l'acqua e mangimi.

Read 2445 times Last modified on Mercoledì, 24 Ottobre 2018 13:46

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cultura

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]