Venerdì, 27 Novembre 2015 13:54

Poletti, il vero problema del nostro sistema è il tempo impiegato a terminare gli studi. Scoppia la polemica

Scritto da

Link e Rete della Consocenza: il ministro non ha ancora capito a cosa serve l’università

ROMA - Ieri il Ministro Poletti, in occasione dell’apertura di “Job&orienta” a Verona, ha affermato che è meglio laurearsi con un 97 a 21 anni che con un 110 e lode a 28, aggiungendo diverse considerazioni sul rapporto fra formazione, titolo di studi e mercato del lavoro. Critici gli studenti: “Dichiarazioni che spingono verso lo svilimento dei percorsi formativi e un lavoro sempre più sfruttato e dequalificato”.

ROMA - “L’idea che la laurea sia semplicemente un titolo, da conseguire nel più breve tempo possibile per immettersi di fretta nel mondo del lavoro, è una stupidaggine a tutti gli effetti: se l’obiettivo è quello di costruire la tanto sbandierata ‘società della conoscenza’, la formazione terziaria deve raggiungere quante più persone possibile e da qui ne scaturisce la flessibilità del percorso formativo che deve poter essere diluito, frammentato e modificato secondo le esigenze dello studente” - dichiara Alberto Campailla, portavoce di LINK - Coordinamento Universitario - “Inoltre se un’ impresa vuole produrre innovazione ha necessità di un lavoratore che possieda determinate conoscenze, che derivano anche dall’approfondimento del suo percorso formativo e non dal tempo in cui ha conseguito il titolo. Applicare la logica del primo che arriva è una scelta piuttosto miope.”

“Ci sembra evidente come questa ennesima dichiarazione fuori luogo si inserisca in una visione complessiva del rapporto fra lavoro e formazione: è la visione propria di una classe imprenditoriale mediamente poco istruita e che ha da tempo operato una scelta strategica: puntare sulla svalutazione competitiva del costo del lavoro (comprimendo diritti e salari), anziché sull’innovazione, come dimostrano le dichiarazioni dello stesso Poletti sulle cassette di frutta o la malcelata volontà di Confindustria e TreeLLLe sfruttare stage e alternanza scuola-lavoro come manodopera a basso costoafferma Riccardo Laterza, portavoce della Rete della Conoscenza - “Questo rapporto va completamente ribaltato: deve essere valorizzato il ruolo sociale della formazione e della conoscenza, la sua capacità di trasformare l’esistente, tanto nei prodotti che nei processi produttivi, di creare buona occupazione e di avviare una necessaria quanto urgente riconversione ecologica del nostro modello di sviluppo. “

“Ci siamo veramente stancati, basta discorsi da bar! Il problema di questo paese,  - concludono gli studenti - non è mai stato l’articolo 18 come afferma il Ministro, ma la mancanza di una vera politica industriale, che passa anche e soprattutto attraverso un investimento strategico in Università e Ricerca, come da noi sottolineato nella Nuova Università, indispensabile per far ripartire questo paese e creare opportunità di sviluppo e di lavoro rifiutando la logica della competizione al ribasso su salari e diritti di chi studia e lavora.”

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]