Venerdì, 30 Maggio 2014 10:35

Marcello Lippi amuleto della Nazionale italiana. Visita a Coverciano

Scritto da

ROMA - Correva l’anno 2006 e in Germania alcuni uomini, vestiti d’azzurro con sprazzi di verde-bianco-rosso, facevano sognare la gente della penisola italiana, la nostra penisola.

Gianluigi Buffon tra i pali (ovviamente); Gianluca Zambrotta, Fabio Cannavaro, Marco Materazzi e Fabio Grosso in difesa; Mauro Camoranesi, Gennaro Gattuso, Andrea Pirlo e Simone Perrotta sula linea di centrocampo; Luca Toni e Francesco Totti in attacco. Ad allenare la squadra che diventerà Campione del Mondo un signore di nome Marcello Lippi.

Ora, 29 maggio 2014, a pochi giorni dai mondiali brasiliani, quello stesso signore è stato l’ospite a sorpresa nella giornata di Coverciano, dove l’attuale ct Cesare Prandelli e i nuovi giocatori (ad eccezione dei vari  “Peter Pan” campioni del mondo come Buffon, Pirlo e De Rossi) si trovano in ritiro.

Non sono mancati i complimenti di rito tra i due allenatori. Parole  particolarmente incoraggianti sono uscite dalla bocca di Marcello Lippi, il quale senza mezzi termini, ha paragonato l’attuale gruppo a quello guidato da lui nel 2006:”E' stato molto emozionante poter salutare i miei vecchi giocatori come Buffon, Pirlo e De Rossi. Ci sono molte similitudini fra questo gruppo e quello che vinse il Mondiale. Ci vuole fortuna e speriamo che nessuno si faccia male. L'auspicio è che tutti i selezionati arrivino alle partite al massimo della forza.

L’ex commissario tecnico azzurro, e attuale allenatore della squadra cinese  Guangzhou Evergrande, ha risposto anche ad alcune domande dei giornalisti presenti.

Riguardo Cesare Prandelli ha detto: “Gli Auguro che abbia un pizzico di fortuna, che non si facciano male giocatori importanti. Poi ci vuole buona sorte negli accoppiamenti. Un conto è affrontare Australia e Ucraina tra ottavi e quarti e un altro è imbattersi nel Brasile e nell’Argentina. Bisogna anche essere bravi e noi in Germania il capolavoro lo facemmo in semifinale contro i tedeschi: fu quella la vera finale”.

Ha tenuto particolarmente anche a dedicare un pensiero per Giuseppe Rossi: “Io tifo per tutti gli azzurri, ma per Giuseppe Rossi lo faccio in modo particolare. Ho parlato con Giuseppe e glielo detto: l'unica decisione di cui mi pento, nella mia avventura azzurra, è non averlo portato al Mondiale in Sudafrica (2010, ndr)”

La speranza comune è quella che questa visita possa essere veramente un porta fortuna per la nostra avventura nella terra verde-oro.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]