Venerdì, 30 Maggio 2014 10:35

Marcello Lippi amuleto della Nazionale italiana. Visita a Coverciano

Scritto da

ROMA - Correva l’anno 2006 e in Germania alcuni uomini, vestiti d’azzurro con sprazzi di verde-bianco-rosso, facevano sognare la gente della penisola italiana, la nostra penisola.

Gianluigi Buffon tra i pali (ovviamente); Gianluca Zambrotta, Fabio Cannavaro, Marco Materazzi e Fabio Grosso in difesa; Mauro Camoranesi, Gennaro Gattuso, Andrea Pirlo e Simone Perrotta sula linea di centrocampo; Luca Toni e Francesco Totti in attacco. Ad allenare la squadra che diventerà Campione del Mondo un signore di nome Marcello Lippi.

Ora, 29 maggio 2014, a pochi giorni dai mondiali brasiliani, quello stesso signore è stato l’ospite a sorpresa nella giornata di Coverciano, dove l’attuale ct Cesare Prandelli e i nuovi giocatori (ad eccezione dei vari  “Peter Pan” campioni del mondo come Buffon, Pirlo e De Rossi) si trovano in ritiro.

Non sono mancati i complimenti di rito tra i due allenatori. Parole  particolarmente incoraggianti sono uscite dalla bocca di Marcello Lippi, il quale senza mezzi termini, ha paragonato l’attuale gruppo a quello guidato da lui nel 2006:”E' stato molto emozionante poter salutare i miei vecchi giocatori come Buffon, Pirlo e De Rossi. Ci sono molte similitudini fra questo gruppo e quello che vinse il Mondiale. Ci vuole fortuna e speriamo che nessuno si faccia male. L'auspicio è che tutti i selezionati arrivino alle partite al massimo della forza.

L’ex commissario tecnico azzurro, e attuale allenatore della squadra cinese  Guangzhou Evergrande, ha risposto anche ad alcune domande dei giornalisti presenti.

Riguardo Cesare Prandelli ha detto: “Gli Auguro che abbia un pizzico di fortuna, che non si facciano male giocatori importanti. Poi ci vuole buona sorte negli accoppiamenti. Un conto è affrontare Australia e Ucraina tra ottavi e quarti e un altro è imbattersi nel Brasile e nell’Argentina. Bisogna anche essere bravi e noi in Germania il capolavoro lo facemmo in semifinale contro i tedeschi: fu quella la vera finale”.

Ha tenuto particolarmente anche a dedicare un pensiero per Giuseppe Rossi: “Io tifo per tutti gli azzurri, ma per Giuseppe Rossi lo faccio in modo particolare. Ho parlato con Giuseppe e glielo detto: l'unica decisione di cui mi pento, nella mia avventura azzurra, è non averlo portato al Mondiale in Sudafrica (2010, ndr)”

La speranza comune è quella che questa visita possa essere veramente un porta fortuna per la nostra avventura nella terra verde-oro.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]