Sabato, 10 Maggio 2014 07:26

Arte. La Napoli pop di Andy Warhol

Scritto da

 

NAPOLI - Ad appena tre settimane dall’apertura, la mostra:” Andy Wharol. Vetrine”, ospitata dal 18 Aprile fino al 20 Luglio 2014 dal Palazzo delle Arti a Napoli , è già un successo.

“Siamo come vetrine di noi stessi, continuamente, mettiamo in ordine, copriamo o mettiamo in mostra le pretese qualità che altri ci attribuiscono, e lo facciamo per ingannare noi stessi.” Così Nietzsche pone l’accento sulla necessità dell’ uomo di conformarsi a modelli precostituiti e comunemente accettati.

Da qui muove l’intento della rassegna curata da Achille Bonito Oliva: mostrare il rapporto stretto tra l’arte del maestro della Pop Art ed il consumismo, partendo con l’esposizione delle copertine degli Lp commissionategli da importanti musicisti (come non ricordare una delle più famose : Velvet Undergorund & Nico), fino alla serie Golden Shoes  rappresentante il passaggio dell’artista da  grafico pubblicitario ad icona dello star system.

L’intero percorso espositivo mette in rilievo la concezione dell’arte di Wharol: poiché la città è piena di immagini - pubblicità, cinema, televisione, giornali - che si riversano sulle persone, è inevitabile che queste finiscano per entrare a far parte dell’opera d’arte stessa; ecco spiegata la presenza di “sezioni vetrina” con le serigrafie della Campbell’s soup e le t-shirts realizzate dalla Andy Warhol Foundation for the Visual Arts.

L’intento d Bonito Oliva è quello di ricreare il leit motiv cercato dall’artista tra l’undergound di New York  e Napoli, sospesa tra dramma e commedia,  bellezza e decadimento, attraverso le serie  “Ladies and Gentlemen” improntata sulla figura del “femminiello”, “Napoliroid”  e Vesuvius, in cui il vulcano, immagine iconografica di Napoli, è replicato in colori sgargianti che  ne rappresentano la forza distruttiva.  A chiudere la selezione di opere il suo più importante headline work: “Fate presto”, trittico ritraente la prima pagina del mattino  del 23 novembre 1980 con la notizia del terremoto dell’Irpinia, che eternizza la portata catastrofica dell’evento. La mostra è aperta  dal Lunedi al Sabato (ad esclusione del Martedì) dalle 9.30 alle 19.30 e Domenica dalle 9.30 alle 14.30.

Info

Palazzo delle Arti di Napoli

Via dei Mille, 60 80121 Napoli

081 795 8604

 

bianco.png