Taormina 70.  Inaugurazione con i Nastri d’argento

Con un omaggio alla commedia Venerdì 12 al Teatro Antico l’evento speciale che inaugura la 70ma edizione del Festival diretto da Marco Müller. In arrivo con Christian De Sica e Carlo Verdone anche Giovanni Veronesi con Pilar Fogliati e Maurizio Lombardi, Luca Manfredi, Emanuela Fanelli Premio Manfredi 2024 con Claudio Bisio e, tra cinema e serie, Alessio Vassallo e i giovanissimi Beatrice Grannò e Nicolas Maupas. Nastri speciali per Giuseppe Tornatore, Luca Barbareschi e Margherita Buy

Commedia superstar con ospiti e premi davvero speciali a Taormina venerdì prossimo 12 lugliocon l’evento deiNastri d’Argento che inaugura il Taormina Film Festival 2024 diretto da Marco Müller. Con i premi dedicati a Christian De Sica e Carlo Verdone, straordinariamente insieme,una serata di aneddoti, immagini, memoria, dedicati alla lunga stagione dei Nastri d’Argento al Teatro Antico e, insieme, al Taormina Film Festival che sigla il suo 70mo compleanno con il ritorno del grande cinema fino al 19 Luglio.

Un’occasione per festeggiare anche i 15 anni del palmarès che i Giornalisti Cinematografici dedicano alla commedia con un parterre davvero speciale: insieme a De Sica e Verdone ricevono il Nastro d’Argento Giovanni Veronesi, per aver rilanciato la commedia romanticacon Romeo è Giulietta e i suoi protagonisti Pilar Fogliati e Maurizio Lombardi, vincitori 2024 nella categoria dei migliori attori che ha già premiato a Roma Virginia Raffaele con il regista Riccardo Milani e il produttore di Un mondo a parte Giampaolo Letta.

Tra cinema e serie anche i Premi per il sicilianissimo Alessio Vassallo protagonista nella fiction di Camilleri e proprio quest’anno al cinema con la commedia di Gianluca Maria Tavarelli Indagine su una storia d’amore. Premiata per la commedia anche Margherita Buy, una delle protagoniste più amate ora anche regista di commedia con Volare candidata tra le migliori dell’anno. È stata spesso sul set anche con Carlo Verdone e Giovanni Veronesi e il Nastro segna un record assoluto: è la più premiata tra le attrici che hanno ricevuto i Premi dai Giornalisti.

Due, infine, oltre la commedia, sono i Nastri d’Argento speciali 2024 che arrivano sul palco di Taormina per Giuseppe Tornatore e Luca Barbareschi. Per Tornatore ancora una volta un omaggio a Taormina, legato anche ai 70 anni del Festival: proprio sul palcoscenico del Teatro Antico – con i Nastri d’Argento – ha ricevuto il primo premio della sua vita. Era il 1987, Nastro d’Argento al miglior esordiente per Il camorrista, inizio di una meravigliosa storia d’amore con il cinema festeggiata sul palcoscenico dei premi più importanti e nel mondo fino agli Oscar®.

A Luca Barbareschi che si avvia ai suoi primi 50 anni di cinema Nastro d’Argento per The Penitent, il film del quale è produttore, regista e protagonista: una critica al ‘politically correct’, alle convenienze, ma anche alle censure e a volte alle autocensure di un giornalismo non sempre all’insegna dell’onestà intellettuale. Una storia costruita ancora una volta con David Mamet, un grande autore tra cinema e teatro, che proprio Barbareschi ha il merito di aver fatto conoscere anche al pubblico italiano.

Il Premio Nino Manfredi 2024

Alla sua 11.ma edizione il ‘Premio Manfredi 2024’ promosso dai Giornalisti Cinematografici con la famiglia Manfredi per ricordare il grande Nino va a Claudio Bisio nell’anno del debutto alla regia con L’ultima volta che siamo stati bambini e a Emanuela Fanelli, clamorosa new entry nel mondo della commedia, ma non solo. Fanelli è diventata a tempo di record una vera e propria regina della comicità aggiungendo alle sue corde ironiche in C’è ancora domani di Paola Cortellesi una sfumatura di autentico omaggio al neorealismo. 

Come proprio Manfredi ha saputo dimostrare, anche Bisio – dopo una galleria di personaggi irresistibilmente comici – ne L’ultima volta che siamo stati bambini ha raccontato una storia capace di divertire e, insieme, emozionare fino alla commozione dimostrando che il valore dell’amicizia tra i bambini riesce a sopravvivere a qualsiasi divisione ideologica.   Consegna i premi a nome della famiglia Luca Manfredi che, a proposito di commedia, ha appena finito di girare Com’è umano Lui! film tv che racconta Paolo Villaggio.

Beatrice Grannò e Nicolas Maupas Premi Guglielmo Biraghi                                                  

Ancora un appuntamento, nella tradizione dei Nastri dedicata alle migliori attrici e ai migliori attori giovani inaugurata proprio a Taormina oltre vent’anni fa con gli esordienti di allora, Jasmine Trinca e Jamie Bell. 

Alla piccola squadra di talenti che hanno già ricevuto quest’anno a Napoli per la serialità e a Roma, pochi giorni fa, il Premio Guglielmo Biraghi si aggiungono a Taormina due protagonisti tra i più amati degli ultimi anni: Beatrice Grannò, tra i molti successi interpretati Doc – Nelle tue mani e White Lotus girato proprio a Taormina e Nicolas Maupas, in brevissimo tempo si è imposto come uno dei più amati giovani attori nella fiction grazie a Mare Fuori, ma soprattutto alla serie con Alessandro Gassmann Un Professore e quest’anno nel cinema con La bella estate, da Pavese, regia di Laura Luchetti, del quale è protagonista, tra le altre, accanto a Yile Yara Vianello, appena premiata a Roma e Deva Cassel.

I Nastri d’Argento e Taormina

“L’incontro con il pubblico di Taormina rinnova ogni volta per i Nastri d’Argento l’emozione di serate indimenticabili con i più grandi protagonisti del cinema italiano e spesso il debutto di tante ‘scoperte’ che a Taormina hanno regalato di anno in anno momenti straordinari” – dichiara a nome del Direttivo Nazionale la Presidente dei Giornalisti Cinematografici Laura Delli Colli. 

“A Taormina una serata due volte speciale per la quale ringraziamo con la Direzione Artistica del Festival e la Fondazione Taormina Arte Sicilia, l’Assessorato al Turismo dello Sport e dello Spettacolo della Regione Siciliana, la Sicilia Film Commission e il Comune di Taormina. Essere al Teatro Antico ancora una volta, proprio per questo compleanno speciale, dopo la bellissima serata dedicata un anno fa a La stranezza, è il nostro modo di dire buon compleanno al Festival con il quale abbiamo condiviso un percorso importante”.

Condividi sui social

Articoli correlati