Martedì, 25 Novembre 2014 14:30

La sindrome di Hugh Grant. Se il maschio si crede solo “un cappero in una tartare”

Scritto da

ROMA - Molti esponenti del mondo della cultura dicono che questo sia il secolo delle donne, in proposito si sono scritte non poche pagine. L’identikit del maschio della nostra epoca è spesso quello di un insicuro in fuga da una femmina più indipendente e volitiva di un tempo.

Ora arriva come il cacio sui maccheroni il romanzo di Daniele Cobianchi, La sindrome di Hugh Grant, edito da Mondadori, che ha come protagonista un rappresentante di una generazione maschile in crisi. Argomento che non interessa solo gli uomini, ma le donne, le quali spesso lamentano di essere state lasciate sole.

Daniele Cobianchi ha pubblicato i romanzi Dormivo con i guanti di pelle (Mondadori, 2013), Il segreto del mio insuccesso (Mursia, 2006) e, in rivista, il racconto Gli occhi di mio padre (La luna di Traverso, Mup, 2007) . Cobianchi descrive così l’ eroe del suo nuovo lavoro, che ha  il buffo nome di Thomas Rimini: “lavora nel marketing dei sughi pronti. È un bell’uomo, è brillante, ma... ha quarant’anni: non l’età di mezzo, ma l’età dove sei mezzo. Mezzo adulto e mezzo ragazzo, mezzo sognatore e mezzo disilluso, mezzo innamorato e mezzo in attesa di chissà chi. Lascia Marcella, che era pronta a sposarlo, si butta nel lavoro, prende una casa in centro, affina tecniche di seduzione da chef e ritrova vecchi amici: tutti suoi coetanei, ognuno impegnato ad affrontare i propri fallimenti come può”.

 

Cobianchi, anche lui quarantenne, pubblicitario, laureato in Filosofia del Diritto, racconta, insomma, una storia di ‘quarantenni disperati’ con grande autoironia, mettendo a nudo le insicurezze dietro gli atteggiamenti  ‘da spavaldo’ di coloro che si sentono considerati poco più di “un cappero in una tartare” dalle loro compagne.

Ma cosa sarebbe questa sindrome di Hugh Grant? Una patologia? Una variante di quella di Peter Pan? Sull’invitante e divertente copertina del romanzo troneggia un ciuccio che parla chiaro, ma la “sindrome di Hugh Grant” non è solo questo. Il libro racconta di scuse e fughe strategiche dalle responsabilità, ma fa anche un dettagliato rapporto di ciò che non si vede: narra quali “memorie del sottosuolo”  producano  tali atteggiamenti di fragilità, insicurezza, immobilità.  La sindrome di Hugh Grant  indica la possibilità di superare le inquietudini tra uomini e donne, avendo il coraggio di far trasparire la vera essenza di ciascuno, ciascuno guardando oltre i falsi cliché.

Eccovi ora  il soundtrailer de "La sindrome di Hugh Grant" :  la canzone è cantata dalla misteriosa band "Cavalli e Segugi" ed è il primo esperimento di  una colonna sonora appositamente creata per un libro.

Cavalli e segugi – La sindrome di Hugh Grant - Video

 

 

Genere: Romanzo  

Autore: Daniele Cobianchi
Editore: Mondadori
Pubblicazione: settembre 2014 

Prezzo: euro 15

 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Le donne e il tempo

Si apre il sipario del tempo

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]