Lunedì, 03 Dicembre 2018 18:53

Cena di Natale: tradizione vs modernità

Scritto da

Il Natale è senza alcun dubbio la festa più attesa dell’anno. Questo perchè rappresenta un’ottima occasione per trascorrere del tempo in famiglia, con gli amici o in compagnia di chi preferiamo.

Il momento clou del Natale è il famosissimo cenone. In ogni casa si preparano mille prelibatezze, diverse tra loro a seconda della regione. Tra i fritti di pesce, la pasta al forno (un’ottima ricetta è questa) che fa tanto famiglia quella fresca ed i mille dolci, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

La tradizione napoletana, ad esempio, la cena della Vigilia e il banchetto del giorno seguente sono due dei momenti più importanti dell’anno e come tali vanno debitamente onorati. A Napoli la cena del 24 è interamente dedicata al pesce. Oltre agli antipasti vari, canapè e salumi misti, troviamo broccoli soffritti, polpo all’insalata, spaghetti con le vongole (o lupini), baccalà, anguille e capitone fritto, la tipica insalata di rinforzo (a base di cavolfiore, scarola riccia, papaccelle, sottaceti misti e olive nere, conditi con abbondante aceto, alcune ricette riportano anche l’aggiunta di alici salate), pesce al forno, melone, croccante di mandorle e nocciole, frutta secca e una serie interminabile di dolci e leccornie.

Non mancano certo le ricette che richiamano alla modernità culinaria. Come, ad esempio, i gamberoni al forno con crosta di mandorle e miele. In Piemonte non è Natale senza gli agnolotti e il gran bollito misto, condito con le salsine tra cui il bagnet ross e verd. Ravioli, verdi o di carne, e cappon magro, piatto di verdure e pesce, troneggiano invece sulle tavole liguri.

In Friuli si va di brovada e muset, una zuppa di rape e cotechino, con la polenta, e poi trippa con sugo e formaggio e il cappone. E in Trentino-Alto Adige campeggiano piatti di canederli, capriolo o capretto al forno e per chiudere lo strudel o lo zelten, a base di frutta secca e canditi.

Il centro Italia, in particolar modo l’Emilia Romagna, punta tutto sulla pasta fresca come tortellini e passateli, ma anche sulle tagliatelle e sulle lasagne. Anche se ci sono delle eccezioni: come Modena, dove si mangia pesce, soprattutto conservato. Lì si gustano gli spaghetti con tonno, sgombro, acciughe e pomodoro, ma anche il baccalà in umido o fritto.

E il baccalà è protagonista anche nelle tavole della vigilia nel Lazio, dove abbonda anche il fritto misto di verdure e il capitone. A Roma, alla Viglia, non può mancare la minestra di pesce o la pasta e broccoli in brodo di arzilla. Ci sono anche gli spaghetti con le alici, l’anguilla fritta o in carpione e l’insalata di puntarelle.

In Toscana uno dei piatti principali riguarda i crostini di fegatini, ma anche l’arrosto di faraona o di anatra e i fegatelli o il cappone ripieno. Si cuoce anche il bardiccio, una salsiccia di maiale speziata al finocchio. Nelle Marche sono tradizionali i maccheroncini di Campofilone, ma anche i cappelletti in brodo, come pure in Umbria dove talvolta sono ripieni di cappone e piccione. 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]