Giovedì, 06 Luglio 2017 15:46

Sei poesia sulle mie labbra

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Non amo le stanze vuote.

Quell’ombra tagliata dalla luce

ha la forma del tuo corpo….

Mi avvicino ne sfioro il viso

e mi assicuro

che non nasca da una pietra

ma sia caldo, vivo.

Segue un abbraccio e sei tu

con tutta la tua passione

a stringermi nel buio.

A tu per tu col mio inferno

confusa mi abbandono all’amore.

Affondo le mani nei capelli

con le dita rastrello i tuoi pensieri

e come in un campo di grano

raccolgo tutte le tue preoccupazioni.

Le chiudo in un cassetto

macinate dal tempo spariranno

e le mie stanze si colmeranno di sorrisi.

Mirella Narducci

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]