Giovedì, 06 Luglio 2017 15:46

Sei poesia sulle mie labbra

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Non amo le stanze vuote.

Quell’ombra tagliata dalla luce

ha la forma del tuo corpo….

Mi avvicino ne sfioro il viso

e mi assicuro

che non nasca da una pietra

ma sia caldo, vivo.

Segue un abbraccio e sei tu

con tutta la tua passione

a stringermi nel buio.

A tu per tu col mio inferno

confusa mi abbandono all’amore.

Affondo le mani nei capelli

con le dita rastrello i tuoi pensieri

e come in un campo di grano

raccolgo tutte le tue preoccupazioni.

Le chiudo in un cassetto

macinate dal tempo spariranno

e le mie stanze si colmeranno di sorrisi.

Mirella Narducci

bianco.png