Lunedì, 27 Giugno 2016 14:46

Brexit, ecco cosa non esporteremo più in UK

Scritto da

VENEZIA - Auto, abbigliamento, forni, bruciatori, macchine di sollevamento, medicinali, motori e turbine, vini, mobili, accessori auto, macchine speciali per i settori industriali e calzature sono i principali beni che esportiamo nel Regno Unito. Tutti prodotti che fanno parte della grande famiglia del nostro “made in Italy” che, alla luce della decisione dei britannici di uscire dall’Ue, potrebbero subire una contrazione con effetti negativi per i rispettivi settori di appartenenza. 

L’Ufficio studi della CGIA ha elencato le principali 35 voci di prodotto che caratterizzano il nostro export oltre Manica  che nel 2015 ha toccato un valore complessivo di 22,4 miliardi di euro, mentre le importazioni hanno raggiunto quota 10,5 miliardi. Pertanto, il saldo commerciale  è stato positivo e pari a 11,9 miliardi di euro. Dalla CGIA segnalano che l’export verso Londra è stato pari al 5,4 per cento del totale e nell’ultimo anno le vendite nel Regno Unito sono aumentate del 7,4 per cento. 

“E’ difficile prevedere cosa succederà. Nei prossimi 2 anni – ricorda il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo - tra Londra e Bruxelles dovranno essere ratificati 54 accordi commerciali e,  salvo sorprese, le transazioni ritorneranno ad essere soggette ai dazi doganali e al pagamento dell’Iva. Non è da escludere, inoltre, la possibilità che vengano introdotte alla dogana barriere non tariffarie che potrebbero ostacolare l’attività commerciale, imponendo agli esportatori livelli particolari di sicurezza  e di certificazione dei prodotti. Pertanto, la trattativa tra il Regno Unito e l’Unione europea sarà lunga, complessa, estenuante e dagli esiti attualmente non prevedibili”. 

La Brexit, ovviamente, ha scatenato un vero e proprio tsunami politico che rischia di travolgere tutto e tutti. 

“Se fino a qualche anno fa c’era la fila per entrare nell’Unione europea – dichiara il segretario della CGIA Renato Mason - ora, invece, in molti chiedono di andarsene. La responsabilità di questa metamorfosi è quasi del tutto ascrivibile agli euro burocrati che hanno intrapreso politiche economiche poco oculate, prolungando gli effetti della crisi e facendoci precipitare in una spirale deflazionistica molto preoccupante. Se dopo la Brexit si vuole evitare un effetto domino che travolga tutto bisogna cambiare registro; rilanciando le politiche di sviluppo in grado di riportare lavoro, crescita e benessere”. 

A livello territoriale è il Nordest (7,9 miliardi di euro) la macro area più interessata dalle esportazioni in Gran Bretagna. Segue il Nordovest (7,8 miliardi) il Centro (3,6 miliardi) e il Mezzogiorno (2,7 miliardi). A livello regionale, invece, la parte del leone la fanno la Lombardia (5,3 miliardi di euro), il Veneto e l’Emilia Romagna (ciascuna con 3,4 miliardi di euro), il Piemonte (2,3 miliardi) e la Toscana (1,8 miliardi). Queste 5 regioni esportano più del 70 per cento del totale.

I principali prodotti del made in Italy esportati nel Regno Unito

Export (valori in milioni di euro e var. %)

 

Principali prodotti (ATECO a 3 cifre)

2014

2015 (*)

Var. ass.
2015-2014
(mln €)

Var. %
2015/2014

1

Autoveicoli

1.197,5

1.678,8

+481,3

+40,2

2

Articoli di abbigliamento (escluso in pelliccia)

993,9

1.094,9

+101,0

+10,2

3

Altre macchine di impiego generale (1)

952,5

1.049,0

+96,5

+10,1

4

Medicinali e preparati farmaceutici

977,5

1.040,0

+62,5

+6,4

5

Macchine di impiego generale (2)

1.005,9

1.020,5

+14,6

+1,5

6

Bevande (3)

834,4

936,5

+102,1

+12,2

7

Mobili

794,7

927,8

+133,1

+16,7

8

Parti ed accessori per autoveicoli e loro motori

831,5

831,8

+0,3

+0,0

9

Altre macchine per impieghi speciali (4)

629,3

680,5

+51,2

+8,1

10

Calzature

533,5

563,5

+30,1

+5,6

11

Articoli in materie plastiche

544,5

561,1

+16,6

+3,1

12

Cuoio conciato e lavorato; articoli da viaggio, borse, pellicce, ecc.

474,8

488,8

+14,0

+2,9

13

Altri prodotti alimentari (5)

436,6

482,0

+45,4

+10,4

14

Aeromobili, veicoli spaziali e relativi dispositivi

522,7

461,1

-61,7

-11,8

15

Apparecchi per uso domestico (6)

393,1

460,4

+67,4

+17,1

16

Frutta e ortaggi lavorati e conservati

454,0

460,3

+6,3

+1,4

17

Altri prodotti in metallo (7)

411,6

418,7

+7,1

+1,7

18

Prod. chimici di base, fertilizzanti, mat. plastiche e gomma sintetica

437,8

415,2

-22,6

-5,2

19

Saponi/detergenti, prodotti pulizia/lucidatura, profumi e cosmetici

353,6

404,8

+51,3

+14,5

20

Metalli di base preziosi e altri metalli non ferrosi

453,2

401,4

-51,8

-11,4

21

Prodotti da forno e farinacei

354,2

391,6

+37,5

+10,6

22

Strumenti e forniture mediche e dentistiche (anche occhiali)

263,5

362,2

+98,7

+37,5

23

Strumenti e apparecchi di misurazione, prova e navigazione; orologi

279,1

321,0

+41,9

+15,0

24

Motori, gen.tori/trasf.tori elettrici; app. per distribuz. e contr. elettr.

336,0

309,6

-26,5

-7,9

25

Articoli di maglieria

238,0

263,7

+25,7

+10,8

26

Apparecchiature di cablaggio 

262,5

249,0

-13,5

-5,2

27

Macchine per la formatura dei metalli e altre macchine utensili

181,1

238,0

+56,9

+31,4

28

Carne lavorata e conservata e prodotti a base di carne

213,0

227,6

+14,6

+6,9

29

Prodotti delle industrie lattiero-casearie

218,4

226,9

+8,5

+3,9

30

Tubi, condotti, profilati cavi e relativi accessori in acciaio

250,2

221,3

-28,9

-11,5

31

Articoli di carta e di cartone

184,6

210,6

+26,0

+14,1

32

Altri prodotti chimici (8)

203,6

206,5

+2,9

+1,4

33

Gioielleria, bigiotteria e articoli connessi; pietre preziose lavorate

174,0

206,2

+32,3

+18,5

34

Merci dichiarate come provviste di bordo, merci di ritorno/respinte

150,7

200,4

+49,7

+33,0

35

Tessuti

187,8

195,8

+8,0

+4,3

           
 

Totale export italiano nel Regno Unito

20.939,2

22.484,2

+1.545,0

+7,4

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati Istat

(*) Dati relativi all’intero anno 2015 ma non ancora definitivi. 

Note

Sono stati indicati in tabella i primi 35 prodotti relativamente alla classificazione delle esportazioni per codice di attività ATECO a 3 cifre. Questi 35 prodotti rappresentano oltre l’80% del totale export italiano nel Regno Unito che, nel 2015, ha superato i 22 miliardi di euro.

Forni, bruciatori e sistemi di riscaldamento; macchine di sollevamento/movimentazione; macchine e attrezzature per ufficio (esclusi i computer); utensili portatili a motore; attrezzature di uso non domestico per la refrigerazione/ventilazione.

Fabbricazione di motori e turbine (esclusi per veicoli, motocicli e aeromobili); di apparecchiature fluidodinamiche; di altre pompe e compressori; di altri rubinetti e valvole; di cuscinetti/ingranaggi e organi di trasmissione.

In particolare i vini di uve che, con 746,2 milioni di euro di valore esportato nel 2015, incidono per quasi l’80% dell’export di bevande.

Macchine specifiche per i settori metallurgia, industria alimentare/bevande, TAC, carta/cartone, materie plastiche e della gomma ecc.

Produzione di zucchero, cacao/cioccolato/caramelle/confetti, lavorazione tè e caffè, produzione di condimenti e spezie, produzione di pasti e piatti pronti, di omogeneizzati e alimenti dietetici.

Elettrodomestici e apparecchi per uso domestico non elettrici (per cucinare, per riscaldare, ecc.).

Fabbricazione di bidoni, di imballaggi leggeri in metallo, di prodotti fabbricati con fili metallici, catene e molle; fabbricazione di articoli di bulloneria ecc.; fabbricazione di stoviglie, pentolame ecc.; casseforti e porte blindate; di oggetti in ferro e rame ecc. 

Fabbricazione di colle, oli essenziali, esplosivi e di altri prodotti chimici come ad esempio preparati antigelo, fabbricazione di prodotti chimici utilizzati per l’ufficio, di prodotti elettrochimici ecc.

L’export verso il Regno Unito: 5 regioni esportano più del 70% del totale 

Export (valori in milioni di euro e var. %)

Regioni e aree

2014

2015 (*)

Var. ass.
2015-2014
(mln €)

Var. %
2015/2014

Lombardia

5.201,8

5.310,9

+109,1

+2,1

Veneto

2.947,5

3.448,9

+501,4

+17,0

Emilia Romagna

3.084,3

3.439,2

+354,9

+11,5

Piemonte

2.454,7

2.385,5

-69,2

-2,8

Toscana

1.686,9

1.802,2

+115,3

+6,8

Lazio

1.074,9

1.010,5

-64,4

-6,0

Campania

920,1

918,0

-2,1

-0,2

Abruzzo

638,8

783,5

+144,7

+22,7

Friuli Venezia Giulia

654,5

686,4

+31,9

+4,9

Marche

639,8

628,2

-11,5

-1,8

Basilicata

75,6

415,1

+339,5

+449,0

Trentino Alto Adige

397,8

414,7

+17,0

+4,3

Puglia

388,4

369,2

-19,2

-4,9

Umbria

178,4

208,3

+29,9

+16,8

Liguria

150,0

183,3

+33,2

+22,2

Sicilia

211,0

180,8

-30,2

-14,3

Sardegna

28,9

40,1

+11,1

+38,4

Molise

17,4

22,0

+4,6

+26,2

Calabria

15,9

19,5

+3,5

+22,2

Valle d'Aosta

22,5

18,0

-4,6

-20,2

Totale export italiano nel Regno Unito

20.939,2

22.484,2

+1.545,0

+7,4

         

Nord Est

7.084,1

7.989,3

+905,2

+12,8

Nord Ovest

7.829,1

7.897,7

+68,6

+0,9

Centro

3.579,9

3.649,2

+69,3

+1,9

Mezzogiorno

2.296,2

2.748,1

+451,9

+19,7

Non specificato

149,9

199,9

+50,0

+33,3

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati Istat

(*) Dati relativi all’intero anno 2015 ma non ancora definitivi.

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]