Venerdì, 23 Settembre 2016 12:07

Pil, l’Ocse taglia le stime future, l'Istat taglia le stime del 2015

Scritto da

Peggiorano di giorno in giorno le condizioni del nostro sistema economico  

ROMA - Si fanno di giorno in giorno sempre più drammatiche le prospettive per l'economia del nostro Paese. Se guardiamo ai dati diffusi dall'Istat oggi emerge che, nel 2015, la crescita è stata inferiore a quanto inizialmente stimato: da +0,8% l'Istat ha rivisto il PIL al +0.7%. Dati che si rivelano in tutta la loro gravità se uniti alle recenti stime Ocse, secondo cui l'Italia crescerà del +0,8% nel 2016 e nel 2017 (anch'esse sono stime riviste al ribasso). Tale andamento conferma quello che denunciamo da tempo: la crescita è ancora troppo incerta ed instabile, la vera ripresa è ancora lontana. È evidente, a questo punto, che per invertire tale tendenza è necessario che il Governo intervenga.

Il Paese ha bisogno di un Piano Straordinario per il Lavoro che, attraverso una redistribuzione dei redditi, rimetta in moto l'economia. 

La ripresa del mercato occupazionale, infatti, darebbe nuovo reddito a chi al momento è disoccupato ed inoltre imprimerebbe un nuovo slancio alla domanda interna, alleggerendo le famiglie dell'onere del mantenimento di figli e nipoti senza occupazione (pari a circa 450 Euro al mese).

Uno studio recentemente effettuato dal nostro O.N.F. - Osservatorio Nazionale Federconsumatori rivela come, se la disoccupazione tornasse a valori intorno al 6% (livello pre-crisi, ancora eccessivo a nostro parere), la capacità di acquisto delle famiglie aumenterebbe di circa +40 miliardi di Euro l'anno. Risorse preziose che permetterebbero al Paese di innescare una nuova fase di crescita. Nel dettaglio è necessario reperire risorse attraverso una intensificazione della lotta all'evasione fiscale,   la tassazione delle rendite finanziarie,  tagli a sprechi ed abusi, la vendita di parte delle riserve auree (circa il 10-15%).

Tutte le risorse incamerate si devono disperdere in rivoli e "programmini" inefficaci, ma devono essere destinate esclusivemante: all'innovazione e la ricerca, alla modernizzazione delle infrastrutture soprattutto al Sud, alla messa in sicurezza antisismica, alla valorizzazione dell'offerta turistica.   Ogni giorno di mancati interventi in tal senso è una grave responsabilità del Governo.

Rosario Trefiletti

Presidente di Federconsumatori

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

ban.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Intelligenza artificale e arte contemporanea s'incontrano al Maxxi

Intelligenza artificale e arte contemporanea s'incontrano al Maxxi

Intervista alla curatrice Daniela Cotimbo. Dal 5 al 30 maggio 2021, una rassegna collettiva che offre una nuova prospettiva di indagine sulle potenzialità espressive delle tecnologie, evidenziando anche un differente...

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Twitter mania. Arte, poesia, storia, giornalismo, politica e altre amenità nei…

Twitter mania. Arte, poesia, storia, giornalismo, politica e altre amenità  nei caratteri simbolo della nostra epoca

I geroglifici degli antichi Egizi, i bassorilievi sulle colonne romane, gli epigrammi di Marziale, le commedie in un atto di Achille Campanile, gli aforismi di Leo Longanesi.

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]