Venerdì, 28 Agosto 2015 11:36

Istat: inverosimili i dati sulla fiducia dei consumatori

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

L'economia è ancora in crisi, ogni ottimismo è prematuro

ROMA - Per il mese di agosto l'Istat ha registrato una crescita della fiducia dei consumatori. Si tratta di una rilevazione che non esitiamo a definire inverosimile: la crisi che da anni attanaglia nostra economia non può certo dirsi conclusa e considerando l'elevato tasso di disoccupazione, il crollo del potere d'acquisto delle famiglie e la contrazione dei consumi ci chiediamo come sia possibile riportare un dato positivo. La realtà è che il Paese versa ancora in una situazione di grave stagnazione e ogni atteggiamento ottimistico è a dir poco prematuro. Basti pensare che solo nel triennio 2012-2013-2014 i consumi sono diminuiti del -10,7%, pari ad una contrazione complessiva della spesa di circa 78 miliardi di Euro.

Solo abbandonando le politiche di austerità per avviare una nuova fase di sviluppo e di crescita sarà possibile superare la crisi economica.   La diminuzione del costo del petrolio con forte riduzione dei costi energetici a carico delle imprese, il tasso di cambio con il Dollaro particolarmente favorevole alle nostre esportazioni, lo spread Bund - BTP  ai minimi storici e un quantitative easing dovrebbero agevolare politiche espansive di investimento. Ribadiamo la necessità di mettere in atto quanto prima un Piano Straordinario per il Lavoro che preveda opere di modernizzazione delle infrastrutture e di messa in sicurezza degli edifici pubblici,  investimenti per ricerca e sviluppo e interventi per valorizzare il settore turistico. 

Rosario Trefiletti

Presidente di Federconsumatori

www.dazebaonews.it

bianco.png