Il Padiglione Italia a Expo 2025 Osaka: un avamposto del Sistema Paese in Giappone e in Asia

Il Padiglione Italia sarà uno strumento straordinario per accelerare l’internazionalizzazione delle nostre imprese: una vetrina sul mercato globale, capace di attirare investimenti in Italia e generare nuove collaborazioni.
 
«La partecipazione dell’Italia a Expo 2025 Osaka è un’occasione chiave per l’internazionalizzazione delle nostre imprese». A dirlo è  Mario Vattani, Commissario Generale per l’Italia a Expo 2025 Osaka, in occasione della presentazione del Padiglione Italia organizzato dalla Confederazione Aepi (Associazioni europee di professionisti e imprese). Un evento di grande eco mediatica, che ha animato il dibattito economico internazionale e si è svolto la mattina del 22 gennaio presso Palazzo delle Esposizioni a Roma

«Una ricerca del PoliMI (Politecnico di Milano) ha stimato un aumento del 20% sulle esportazioni verso l’area asiatica, per un valore di ben oltre 600 milioni. Nel 2022 l’interscambio con il Giappone ha superato i 13,3 miliardi di euro, facendo segnare un +11,2% sull’anno precedente. Il Padiglione Italia sarà un luogo dove possiamo creare contatti, progetti e sinergie con mercati giovani e in forte crescita come quelli asiatici: questa è diplomazia della crescita, una delle linee guida del nostro Governo. Il Giappone è presente in Italia con oltre 400 aziende che generano un fatturato di 23 miliardi di euro. Il Padiglione Italia sarà un polo di attrazione di investimenti, e il potenziale è notevole» ha concluso Vattani.
 
Dello stesso parere è anche il presidente di Aepi, Mino di Dinoi. «Expo 2025 rappresenta una grandissima occasione per il sistema Paese, a partire dalle micro, piccole e medie imprese che ne costituiscono lo scheletro. L’opportunità per compiere un salto di qualità e affrontare con determinazione le sfide della globalizzazione. Per farlo è, tuttavia, necessario mettere a sistema tutte le nostre competenze ». Una sfida che diventerà sempre più tangibile, grazie alla disponibilità fornita da Aepi nel siglare un accordo di partnership con il Commissariato generale italiano per Expo 2025, lanciando così un appello a tutte le associazioni di categoria delle PMI (Piccole e Medie Imprese) italiane.

Un’occasione per valorizzare il Made in Italy, a 360 gradi, nel Paese del Sol Levante. «Apriremo assieme un tavolo di lavoro e programmiamo una sorta di giro d’Italia per far conoscere su tutto il territorio nazionale – ha concluso Dinoi – le straordinarie opportunità di Expo 2025 per il Made in Italy, sia in termini di crescita che di sinergie nazionali e internazionali». Non solo parole, ma un vero e proprio piano programmatico a favore della crescita delle PMI italiane in Giappone, in vista di Expo 2025 a Osaka, una delle città nipponiche che sta investendo maggiormente nello sviluppo economico e nell’attrazione di nuovi capitali esteri.

https://www.facebook.com/ConfAEPI?locale=it_IT

Condividi sui social

Articoli correlati