Lunedì, 18 Gennaio 2016 11:24

Iraq, arrestata donna, è accusata di aver rapito tre americani

Scritto da

BAGHDAD - Il Dipartimento di Stato Usa ha confermato il rapimento di tre cittadini americani ad al Doura, quartiere a sud della capitale irachena Baghdad.

E ha sottolineato - riporta la rete satellitare Al Arabiya - che si sta lavorando in collaborazione con le autorità irachene per individuare il luogo dove si trovano ora e riportarli a casa. In seguito alla scomparsa dei tre americani - che sarebbero cittadini Usa di origine irachena - sarebbe stata arrestata e interrogata una donna. La conferma di Washington dopo che ieri sera fonti di sicurezza irachene citate dalla tv satellitare al Arabiya avevano diffuso la notizia del rapimento. Secondo queste fonti, "uomini armati in divisa dell'esercito hanno eseguito l'operazione del sequestro conducendo i tre americani con il loro traduttore iracheno in luogo ignoto".Da parte sua Washington, come riferisce l'emittente saudita, ha affermato che i tre rapiti lavorano come contractors in società statunitensi nell'aeroporto internazionale di Baghdad". Il rapimento, secondo la società per la quale lavorano i rapiti, sarebbe avvenuto venerdì scorso.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]