Venerdì, 20 Maggio 2016 08:35

Nigeria. Liberata un'altra studentessa rapita da Boko Haram

Scritto da

ABUJA - Le forze di sicurezza nigeriane hanno liberato 97 ostaggi, tra cui una seconda "ragazza di Chibok", e ucciso 35 membri del gruppo terroristico Boko Haram che li tenevano prigionieri.

Lo ha riferito un portavoce militare, spiegando che l''operazione per liberare gli ostaggi, sopratutto donne e bambini, ha avuto luogo nella regione della foresta di Sambisa nel nord-est della Nigeria. La giovane salvata era una delle 276 studentesse rapite più di due anni fa dal dai miliziano da una scuola nel villaggio di Chibok nello stato di Borno. Più di 200 delle ragazze mancano ancora all'appello. Lunedì era stata liberata la 19enne Amina Ali Nkek, che ieri insieme al suo bambino ha incontrato il presidente nigeriano Muhammadu Buhari nella capitale Abuja. Buhari era visibilmente felice, ma ha espresso il suo dolore per le atrocità che hanno sofferto le giovani donne. "Anche se non possiamo fare nulla per invertire gli orrori del suo passato vogliamo fare tutto il possibile per assicurare che il resto della sua vita prenda un corso completamente diverso", ha detto il presidente, assicurando che Amina avrebbe ricevuto le migliori cure che il governo nigeriano può permettersi.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]