Sabato, 08 Aprile 2017 08:10

Dopo l'attacco in Siria il popolo di Trump si divide

Scritto da

NEW YORK  - Il popolo di Donald Trump si spacca sull'attacco in Siria. Se parte dei suoi sostenitori plaude all'iniziativa, molti lo accusano di essere un 'traditore'. Le parole piu' dure sono quelle dei suoi piu' ferventi sostenitori di estrema destra, coloro che l'hanno appoggiato incondizionatamente durante la campagna elettorale.

E che ora gli girano le spalle dopo il raid in Siria. L'accusa e' chiara: Trump ha tradito i suoi elettori con un attacco che per anni ha condannato, e che ha condotto senza l'autorizzazione del Congresso. A dare sfogo alla propria rabbia sui social media e' il piccolo ma influente movimento nazionalista. ''E' un altro pupazzo neocon. Sono ufficialmente fuori dal suo carro'' tuona Paul Joseph Watson, direttore di Infowars. Richard Spencer, l'attivista di destra che ha coniato il termine 'alt-right', condanna l'attacco e lascia intravedere la possibilita' di sostenere nel 2020 un altro candidato, Tulsi Gabbard, un democratico che ha incontrato il presidente della Siria, Bashar al-Assad, in gennaio.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]