Giovedì, 15 Settembre 2011 13:51

Tensione Kosovo-Serbia: pace a rischio nei Balcani

Scritto da

BELGRADO - "Devo esprimere la mia forte preoccupazione: le azioni unilaterali annunciate per domani e relative al tentativo di Pristina e Eulex di imporre controlli doganali sulla linea di demarcazione amministrativa nel nord del Kosovo mettono seriamente in pericolo la pace e la stabilità dell'intera regione".Il presidente serbo Boris Tadic ha esternato i suoi timori dopo la decisione delle autorità kosovare di assumere da domani il controllo di due posti di frontiera nel nord del Kosovo.

Decisione presa senza interpellare la Serbia: "Tale soluzione non è stata concordata da Belgrado e Pristina - ha sottolineato Tadic - e va per questo impedita". Tadic ha confermato il no della Serbia alla proclamazione unilaterale d'indipendenza da parte del |Kosovo (il 17 febbraio 2008), "una decisione questa - ha precisato - che va contro i principi sanciti universalmente dal diritto internazionale e dalle Nazioni Unite, e che devono valere per tutti i paesi senza eccezione, a cominciare dall'uguaglianza degli stati in fatto di sovranità, dal rispetto dell'integrità territoriale e dall'inviolabilità delle frontiere internazionalmente riconosciute. L'indipendenza del Kosovo - ha concluso il presidente serbo - viola questi principi base della governance universale".

Il Kosovo è uno Stato indipendentista sotto amministrazione ONU. Un territorio con 200.000 abitanti a maggioranza albanese, che ha dichiarato unilateralmente la propria indipendenza dalla Serbia il 17 febbraio 2008. La capitale è Pristina.
La Serbia non ne riconosce l'indipendenza, e lo considera quindi solo una provincia (e Pristina solo un capoluogo).
Lo status giuridico del Kosovo non è condiviso nemmeno da altri Stati. Tra i 193 membri delle Nazioni Unite, 83 lo riconoscono come uno Stato indipendente, 51 no. Tra i contrari Russia e Cina.

Il presidente serbo - ironia della sorte - ha aperto proprio oggi a Belgrado una conferenza sulla sicurezza nei Balcani.