Mercoledì, 14 Agosto 2013 17:37

L'Eurozona esce dalla recessione, ma l'Italia è ferma al palo: -0,2%

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Secondo la stima flash di Eurostat, nel secondo trimestre 2013 il Pil cresce dello 0,3% sia nell'Eurozona sia nella Ue-27, oltre le previsioni. E' il primo dato positivo dopo sette trimestri consecutivi in calo. Rehn: "Ripresa a portata di mano, ma la crisi non è finita"

 

ROMA -  Stime flash di Eurostat portano buone notizie per i paesi dell’Unione europea. Anche se la prudenza  non è mai troppa quando si parla di stime che riguardano l’economia, dopo sette trimestri consecutivi in contrazione l’eurozona esce dalla recessione.  Tra maggio e giugno l'economia dell'area euro cresce dello 0,3% rispetto ai tre mesi precedenti e meglio dell'atteso +0,2%.  Stando ai dati diffusi da Eurostat  nei 27 paesi dell'Unione europea  il Pil cresce dello 0,3% trimestrale. Ma  in Italia le cose vanno in modo diverso,  resta  la contrazione con un  -0,2%. Su base annuale il Pil dell'Eurozona registra una contrazione dello 0,7%, mentre quella dei 27 paesi dell'Unione europea segna un -0,2% e l'Italia un -2%.

  Olli Rehn, commissario Ue agli Affari Economici, commentando i dati Eurostat sul Pil, afferma che “la ripresa è a portata di mano Nonostante i dati positivi- afferma-, bisogna rendersi conto che una ripresa è possibile ma solo "se proseguiamo con tutti i nostri sforzi per superare la crisi". In questo senso, ha proseguito, "le riforme devono continuare. Non è giorno per autocelebrative dichiarazioni sulla fine della crisi". Quando il Commissario Ue parla di riforme non c’è da stare allegri. Riforme per lui significano rigore, punto e basta come fino ad ora è avvenuto.Il problema resta quindi quello della crescita, di un cambio di passo della politica europea. 

I dati diffusi da Eurostat offrono un quadro interessante nel rapporto fra Europa ,Stati Uniti e Giappone.. Nel corso del secondo trimestre 2013 il Pil degli Stati Uniti è cresciuto dello 0,4% rispetto al trimestre precedente in cui si era già registrato un aumento dello 0,3%. Rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, la crescita americana è stata di +1,4%, dato in aumento rispetto a tre mesi prima (+1,3%). In crescita anche il Giappone: +0,6% (ma in frenata rispetto al trimestre precedente, +0,9%).Analizzando i dati nazionali disponibili della Ue-27 (assenti quelli di Grecia, Irlanda, Danimarca, Lussemburgo, Malta, Slovenia), solo sei paesi sono ancora in calo: -0,1% in Bulgaria, Spagna e Svezia, -0,2% in Italia e Olanda, -1,4% a Cipro. In Portogallo la crescita maggiore (+1,1%), seguito da Germania, Repubblica Ceca e Finlandia (+0,7%) e da Regno Unito e Lituania (+0,6%).

bianco.png