Venerdì, 18 Novembre 2016 15:09

Germania. Migranti, terrorismo e Russia sul tavolo dei 6

Scritto da

BERLINO - Gestione del fenomeno migratorio, lotta al terrorismo, relazioni con la Russia e futuro del Ttip, l'accordo di libero scambio e di investimento fra Stati Uniti ed Europa.

Questi alcuni degli argomenti affrontati, secondo quanto si apprende, nel corso dell'incontro a sei a Berlino nella sede della cancelleria tedesca fra i leader di Stati Uniti e di alcuni dei principali Paesi europei. Al vertice, che si avvia alla conclusione, sono presenti il presidente uscente Usa, Barack Obama, la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente del Consiglio Matteo Renzi, il presidente francese Francois Hollande, la premier britannica Theresa May e il primo ministro spagnolo, Marjiano Rajoy. 

I leader degli Stati Uniti e dei cinque Paesi europei riuniti a Berlino hanno concordato, si spiega in una nota della Casa Bianca, sulla ''necessità di continuare a lavorare insieme sull'agenda transatlantica, soprattutto per stabilizzare il Medio Oriente e il Nord Africa e per assicurare una soluzione diplomatica dei conflitti in Siria e in Ucraina orientale''. I sei hanno inoltre sottolineato l'importanza di ''proseguire la cooperazione attraverso le istituzioni multilaterali'', tra cui in particolare la Nato. Obama si è detto fiducioso che, ''anche in un momento di grande cambiamento, i valori democratici hanno fatto di più per far avanzare la libertà umana e il progresso di qualsiasi altro sistema nella storia e continueranno a farlo in futuro''. Sulla Siria il presidente uscente ha sottolineato che una de-escalation e una soluzione diplomatica al conflitto ''sono le uniche vie percorribili'' per porre fine alla sofferenza della popolazione e prevenire un'altra crisi migratoria. 

I leader hanno inoltre espresso ''grave preoccupazione'' per la situazione umanitaria ad Aleppo e hanno convenuto che gli attacchi contro la città devono essere ''immediatamente fermati''. Obama ha ringraziato i colleghi europei per gli sforzi nella campagna anti-Isis e li ha esortati a proseguire l'impegno per rafforzare la condivisione delle informazioni a livello di Unione europea contro gli spostamenti dei terroristi e l'organizzazione di attentati in Europa. Al tavolo si è anche discusso di Libia e delle iniziative in corso per gestire l'immigrazione, "concordando sulla necessità di mantenere le attuali attività, anche attraverso la cooperazione Nato-Ue nel Mar Egeo e nel Mediterraneo".

bianco.png