Giovedì, 13 Agosto 2020 10:25

Cancro al seno. Lo screening sotto i 50 anni riduce la mortalità

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Secondo uno studio condotto dalla Queen Mary University di Londra, che ha esaminato i dati di 160.000 donne, lo screening del seno nelle donne di età compresa tra 40 e 49 anni riduce la mortalità per cancro al seno, con un aumento minimo della sovradiagnosi.

Il Regno Unito, insieme a molti altri paesi, ha un programma di screening del cancro al seno che offre mammografia a donne di età compresa tra 50 e 70 anni ogni 3 anni. Tuttavia, attualmente esiste incertezza sull'opportunità di iniziare lo screening già dalla giovane età.

Tra il 1990 e il 1997, il Breast Screening Age Trial del Regno Unito ha studiato più di 160.000 donne del Regno Unito di età compresa tra 39 e 41 anni esaminando la mammografia annuale o il consueto screening mammario del NHS che inizia all'età di 50 anni. L’obiettivo primario era l’osservazione della mortalità per tumori al seno diagnosticati prima del primo screening mammario NHS.

In una nuova analisi, pubblicata su The Lancet Oncology che presenta i risultati dopo 23 anni di studio, è stato riscontrato che lo screening di donne di età compresa tra 40 e 49 anni ha portato a una riduzione sostanziale e significativa del 25% della mortalità per cancro al seno nei primi dieci anni. Gli anni totali di vita  -salvati dal cancro al seno nel gruppo di intervento - sono stati stimati in 620, corrispondenti a 11,5 anni per 1.000 donne.

Il professor Stephen Duffy della Queen Mary University di Londra, ha precisato: "Questo è un follow-up a lunghissimo termine di uno studio che conferma che lo screening nelle donne sotto i 50 anni può salvare vite umane. Il beneficio è visto principalmente nei primi dieci anni, ma la riduzione della mortalità persiste nel lungo periodo. "Ora effettuiamo uno screening più approfondito e con attrezzature migliori rispetto agli anni '90, quando si è svolta la maggior parte dello screening in questo studio, quindi i benefici potrebbero essere maggiori di quelli che abbiamo visto in questo studio".

I ricercatori affermano che sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire se i progressi nella tecnologia di diagnosi precoce e nel trattamento del cancro al seno potrebbero modificare la riduzione della mortalità correlata allo screening nella fascia di età 40-49 anni. Inoltre, non hanno considerato il rapporto costo-efficacia dell'abbassamento dell'età dello screening.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Cultura

Opinioni

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

ROMA – I recenti dibattiti apparsi sui media e social-media per la soppressione di alcuni cinghiali avvenuta quasi nel cuore di Roma, hanno riacceso l’attenzione sulla coesistenza tra uomo e...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Rapporto Human Rights Watch sul Covid-19: “Chiunque trovi il vaccino deve con…

Rapporto Human Rights Watch sul Covid-19:  “Chiunque trovi il vaccino deve condividerlo"

Trasparenza, cooperazione globale e responsabilità per una cura alla portata di tutti. I governi dovrebbero massimizzare l'accesso al vaccino Covid-19 e garantirlo economicamente alle persone in tutto il mondo, ma altresì...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]