Mercoledì, 23 Marzo 2022 16:14

Ricerca. I farmaci antimalarici possono combattere le malattie polmonari

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

La scoperta di un gruppo di ricerca dell'Università del Colorado

Nuova scoperta arriva dall'Università del Colorado dove un gruppo di ricerca ha scoperto che i farmaci usati per curare la malaria sono efficaci anche nel trattamento di una malattia polmonare simile alla tubercolosi.
I risultati sono stati pubblicati sul prestigioso Science Translational Medicine.

Lo studio rappresenta uno sviluppo significativo nella lotta contro le infezioni causate da micobatteri non tubercolari, o NTM, che ora sono più comuni della tubercolosi negli Stati Uniti e spesso attaccano persone che hanno un sistema immunitario indebolito o condizioni preesistenti come la broncopneumopatia cronica ostruttiva o fibrosi cistica.

"Attualmente - precisa la professoressa Mary Jackson del Dipartimento di microbiologia, immunologia e patologia della CSU e autore della pubblicazione - sono disponibili pochissimi antibiotici per il trattamento delle infezioni da NTM e alcuni pazienti non rispondono a nessun trattamento". "La prospettiva che i farmaci antimalarici, già stati sottoposti a studi clinici avanzati, possano aiutare a combattere queste infezioni potrebbe avere un impatto immediato sulla terapia clinica". La ricerca, a cui ha fatto parte anche il ricercatore Juan Manuel Belardinelli, ha preso di mira un NTM noto come Mycobacterium abscessus. Pochi farmaci sono efficaci contro questo micobatterio.

Jackson e Belardinelli hanno lavorato prendendo di mira uno dei meccanismi chiave di difesa che questo micobatterio implementa per combattere il nostro sistema immunitario e gli antibiotici.
I ricercatori ritengono che il batterio sia in grado di percepire e rispondere alle minacce nel suo ambiente, come livelli di ossigeno ridotti, stress ossidativo e pH acido, che sono i metodi naturali del nostro corpo per combattere le malattie. Lo fa attivando, tra l'altro, un regolatore noto come DosRS che controlla molte funzioni essenziali del batterio come la sua respirazione, la capacità di formare biofilm e la capacità di entrare in uno stato dormiente quando le condizioni non sono favorevoli alla moltiplicazione batterica.

I ricercatori hanno scoperto che nei ratti da laboratorio due farmaci antimalarici esistenti erano in grado di impedire al DosRS di rispondere allo stress, il che significa che il batterio ha lottato contro gli antibiotici come risposta naturale alle malattie del sistema immunitario.
"Ha di fatto bloccato il regolatore e gli ha impedito di fare il suo lavoro", ha spiegato Jackson. "Una delle cose che il trattamento ha fatto, in particolare, è stata quella di ridurre la capacità del batterio di formare biofilm, riducendo così la sua capacità di resistere agli antibiotici".

I ricercatori stanno attualmente lavorando alla sperimentazione clinica con i medici della National Jewish Health a Denver in Colorado per somministrare il farmaco che si è rivelato più efficace, denominato OZ439, a pazienti affetti da fibrosi cistica.
"Il trattamento - fa sapere il dottor Jerry Nick, pneumologo presso la National Jewish Health - è particolarmente impegnativo perché sono necessari un minimo di tre o quattro antibiotici in combinazione e ci sono poche opzioni disponibili".

"Il riutilizzo degli antibiotici sviluppati per altre infezioni per l'uso nel trattamento  ha dimostrato di essere la via di maggior successo per aumentare le terapie disponibili per questa grave malattia. Questo rapporto è particolarmente interessante perché questi composti hanno aumentato l'efficacia di altri antibiotici. La strategia di riproposizione riduce il tempo necessario per testare questi composti negli studi clinici, poiché spesso esiste una comprovata esperienza di sicurezza ed esperienza clinica".

bianco.png