Giovedì, 18 Aprile 2013 08:56

Vela. ACWS: oggi iniziano le gare. Le regole di regata. LA DIRETTA STREAMING

Scritto da
Vela. ACWS: oggi iniziano le gare. Le regole di regata. LA DIRETTA STREAMING ©Paolo Natale

NAPOLI – Oggi, le regate dell’America’s Cup World Seires entrano nel vivo.

Quello che si disputerà nel tratto di mare antistante la città di Napoli sarà l’evento conclusivo delle AC World Series 2012-2013.

 

ORACLE TEAM USA è al comando della classifica e a cercare di chiudere il circuito con un trionfo sarà Tom Slingsby, chiamato a sostituire James Spithill, rimasto a San Francisco per seguire la messa a punto dell’AC72 del team statunitense. Slingsby si è detto consapevole che sostituire Spithill non sarà facile ma nonostante sappia di essere poco più che un debuttante come timoniere a bordo dell’AC45 è fiducioso di poter puntare a un buon risultato.

Vediamo più da vicino come si articolano queste sfide.

IL PRECORSO – Il campo di regata è delimitato da margini virtuali, indicati dalla strumentazione di bordo e dagli umpire dislocati lungo il percorso a bordo di altri natanti.

Si parte con andature portanti, ossia con venti che investono il lato delle imbarcazioni e si effettuano più lati di bolina e poppa da 1,5 miglia l’uno, per terminare con lo sprint sulla linea di arrivo.

TIPI DI REGATA – Nel match race, cioè nell’uno contro uno che tipico dell’America’s Cup, la durata della gara è di circa 15-20 minuti, mentre nella regata di flotta, con tutti i team coinvolti nello stesso momento, ha una durata di circa 40 minuti.

LA PARTENZA – Uno suono di sirena o di tromba segnala che mancano 5 minuti alle operazioni di partenza, allo start. Nel match race, un segnale emesso a 2 minuti dal via comunica ai team che possono entrare nel box di partenza. Tale manovra deve essere svolta in un minuto, In caso contrario, di manovra ritardata, all’equipaggio verrà inflitta una penalità.

LA TATTICA – Senza addentrarci troppo nei tecnicismi non così facili da capire per chi in barca a vela non va, possiamo dire che l’importante, nel match race è quello di mettersi davanti all’avversario e stare tra lui e la prossima boa. L’importante è tagliare la linea davanti all’opponente e avere così campo libero davanti a sé per impostare, a proprio piacimento e secondo le proprie strategie, la regata. Importantissimi sono i salti di vento (cambiamenti improvvisi dovuti a repentine rotazioni del vento) che potrebbero in ogni momento riaprire una sfida che sembrava già vinta.

Paolo Natale

Giornalista pubblicista

Collaboratore per Book Moda Magazine

Collaboratore per Top Time Magazine

Dottore in Scienze della Comunicazione

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]