Mercoledì, 30 Gennaio 2013 16:13

Egadi. Una tonnellata di catrame raccolta dalle squadre di Legambiente

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Un lavoro da certosini, o quasi, tutto manuale con raschietti e palette per non danneggiare il delicato ecosistema costiero, metro per metro.

A Favignana, i volontari di Legambiente protezione civile impegnati nella pulizia della costa nord-ovest dell’isola contaminata da sversamenti di idrocarburi hanno rimosso oltre una tonnellata di catrame in una settimana di lavoro. Vento forte e mareggiate permettendo.
“E’ un catrame molto solido - racconta Francesca Ottaviani, coordinatrice delle squadre di Legambiente protezione civile - spiaggiato a macchia di leopardo su 5 chilometri di costa, quasi tutta a scogliera e molto frammentata. Su ampi tratti è arrivato a schizzi mentre il grosso degli accumuli è a riva e nelle pozze di scogliera. Le mareggiate hanno chiaramente ritardato il ritmo delle operazioni, che vanno condotte in maniera molto attenta e precisa per limitare il più possibile il danno e l’invasività dell’intervento”.
Ancora molto lavoro da fare, dunque, nonostante i buoni risultati già raggiunti dalla squadra di Legambiente, anche con la collaborazione del gruppo locale dell’Associazione vigili del fuoco in congedo. Nell’area marina protetta delle Isole Egadi proseguono le azioni di pulizia lungo il tratto di costa interessato. Dopo la rimozione manuale di tutti i grossi accumuli di catrame, sarà valutata la procedura più idonea per una seconda fase più minuziosa di rimozione di ulteriori residui.
“Lo sversamento più o meno accidentale di idrocarburi sulle nostre coste - dichiara Linda Guarino, presidente del circolo Legambiente Egadi - avviene purtroppo con una certa frequenza, mettendo in serio pericolo il delicato ambiente costiero del nostro arcipelago. Sono, però, tutte le aree marine protette e l'intero Mediterraneo a correre questo rischio. Per questo motivo ritengo che siano urgenti tanto strumenti più adeguati di prevenzione e repressione, quanto politiche energetiche che si rivolgano a modelli di sviluppo sostenibile, dove le ragioni economiche trovino un punto di equilibrio con le ragioni etiche”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Laboratori scientifici in prima linea, l’importanza della ricerca e dello sviluppo 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]