Venerdì, 19 Agosto 2016 11:22

Siria: Unicef Italia, basta indignarsi solo per foto shock Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - "Pur riconoscendo il grande impatto emotivo della foto che ritrae il bambino di Aleppo che sta facendo il giro del mondo come quella del povero piccolo Aylan non mi unisco a titolo personale al coro di indignazione agostana che si è levato nelle ultime 24 ore".

Lo dichiara Andrea Iacomini Portavoce dell'Unicef Italia, per il quale "tutto sarà tristemente dimenticato a settembre per far posto al dibattito urlato e smodato sulle questioni interne mentre il conflitto siriano uccide migliaia di bambini da oltre cinque anni". "La dinamica assurda per cui per indignarsi servono foto shock di bambini morti o feriti racconta il volto più disumano dell'uomo non la nostra presunta umanità. Occorre tornare a chiedere pace con forza ai governi mondiali nelle strade, nelle piazze ovunque, solo così renderemo giustizia allo strazio dei bambini non solo siriani ma anche yemeniti, iracheni, centrafricani nigeriani e tutti quelli colpiti dai conflitti".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]