Giovedì, 06 Ottobre 2016 10:45

Internet. Italia terz’ultima in Europa, grazie alle false promesse

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Romania in testa

ROMA - Akamai ha diffuso il nuovo rapporto State Of Internet relativo al secondo trimestre del 2016 sulla velocità di internet. Il risultato per l’Italia è deludente con il suo terz’ultimo posto.  Ma la vera delusione è quella della politica con le sue false promesse di investimenti, a partire dalle famose tre "i" di Berlusconi a quelle dell’attuale premier che parlano di internet, ma senza cognizione di causa.

Così accade che l’Italia è tra le ultime posizioni, mentre al primo posto troviamo la RomaniaIl rapporto Akamai registra, per quel che riguarda l'Italia, l'aumento del 7,9% rispetto al trimestre precedente nell'ambito della velocità media di picco, che da 36,5 Mbps raggiunge quota 39,4 Mbps. Nonostante questa crescita, la posizione in classifica è peggiorata sia a livello europea che mondiale: se prima era al quart'ultimo posto in Europa ed al 75° posto nel mondo, ora l'Italia si posiziona rispettivamente al terz'ultimo ed al 77° posto. 

Questo dato prova tuttavia l'avanzamento in classifica della Croazia, che occupa il 26° posto in Europa ed il 70° nel mondo, grazie alla crescita del 16% della velocità media di picco, che da 35,5 è passata a 41,2 Mbps. La nazione ha superato dunque sia l'Italia che la Francia, dove la velocità media di picco è diminuita dell'1,2%, attestandosi a 40,5 Mbps. Per quel che riguarda la Romania, i nuovi dati diffusi da Akamai confermano la prima posizione nell'ambito della classifica europea: il valore da 82,4 Mbps è aumentato a 84,2% Mbps, crescendo così del 2,2%; per quel che riguarda la posizione globale, la nazione rumena scende invece in decima posizione, rispetto alla nona occupata nella classifica precedente.  

Pos. Europa

Nazione

Q2 2016 Velocità Media di Picco

Crescita Q1

Crescita 12 mesi

Pos. Globale

1

Romania

84,2 Mbps

+2,2%

+22%

10

2

Svezia

78,1 Mbps

-1,7%

+25%

13

3

Lettonia

77,7 Mbps

+3,4%

+25%

14

4

Svizzera

76,1 Mbps

-0,1%

+28%

17

5

Paesi Bassi

72,5 Mbps

+2,9%

+18%

18

6

Belgio

71,1 Mbps

+2,7%

+32%

20

7

Spagna

70,7 Mbps

+9,1%

+48%

21

8

Norvegia

69 Mbps

-0,9%

+52%

23

9

Ungheria

65 Mbps

+3,2%

+27%

26

10

Russia

64,4 Mbps

+1%

+19%

27

11

Repubblica Ceca

63,4 Mbps

-0,7%

+29%

29

12

Regno Unito

62,1 Mbps

+1,8%

+22%

31

13

Finlandia

60,2 Mbps

+0,8%

+13%

34

14

Danimarca

59,7 Mbps

+1,8%

+26%

35

15

Irlanda

59,5 Mbps

-1,8%

+1,3

36

16

Bulgaria

59,3 Mbps

+0,5%

+16%

37

17

Lussemburgo

58,9 Mbps

-3,1%

+12%

38

18

Malta

57,2 Mbps

+14%

+39%

40

19

Germania

55,7 Mbps

+3,5%

+19%

42

20

Slovacchia

54,4 Mbps

-2,5%

+26%

43

21

Polonia

54,1 Mbps

+1,8%

+24%

45

22

Estonia

54 Mbps

+8,1%

+38%

46

23

Portogallo

53,4 Mbps

+3,9%

+11%

49

24

Slovenia

52,9 Mbps

+11%

+39%

52

25

Lituania

52,3 Mbps

+4,1%

+4,2%

53

26

Austria

51,9 Mbps

+1,5%

+20%

55

27

Croazia

41,2 Mbps

+16%

+59%

70

28

Francia

40,5 Mbps

-1,5%

+8,9%

73

29

Italia

39,4 Mbps

+7,9%

+30%

77

30

Grecia

32,5 Mbps

+2,6%

+11%

95

31

Cipro

27,8 Mbps

-2,1%

+26%

106

 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]