Venerdì, 11 Novembre 2016 10:59

Polmonite e diarrea uccidono 1,4 milioni di bambini l'anno

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA  - La polmonite e la diarrea insieme, ogni anno, uccidono 1,4 milioni di bambini, la maggior parte dei quali vive in paesi a basso e medio reddito. Circa 34 milioni di bambini, dal 2000, sono morti per polmonite e diarrea.

Secondo un nuovo rapporto Unicef lanciato oggi, senza un ulteriore investimento nelle misure principali di prevenzione e trattamento, altri 24 milioni di bambini moriranno per queste cause entro il 2030. La polmonite, in particolare, rimane la malattia infettiva che causa il piu' alto numero di morti fra i bambini sotto i cinque anni, nel 2015 e' costata la vita a circa un milione di bambini - quasi un bambino ogni 35 secondi- piu' di malaria, tubercolosi, morbillo e AIDS messi insieme.

Queste morti infantili si verificano nonostante il fatto che entrambe le malattie siano ampiamente prevenibili attraverso soluzioni semplici e convenienti, come l'allattamento esclusivo al seno, la vaccinazione, un'assistenza sanitaria di base di qualita' e una riduzione dell'inquinamento domestico. Circa la meta' di tutte le morti per polmonite fra i bambini sono collegate all'inquinamento atmosferico, un fatto che, secondo l'Unicef, i leader mondiali dovrebbero tenere a mente durante le discussioni sul cambiamento climatico in corso per Cop 22 (la Conferenza Onu sul clima che si terra' a Marrakech dal 15 novembre). "Abbiamo visto chiaramente che l'inquinamento atmosferico, legato al cambiamento climatico, sta danneggiando la salute e lo sviluppo dei bambini, causando polmonite e altre infezioni respiratorie", ha dichiarato Fatoumata Ndiaye, Vice Direttore esecutivo dell'Unicef. "Due miliardi di bambini vivono in aree in cui l'inquinamento atmosferico esterno supera le linee guida internazionali, di conseguenza molte persone si ammalano e muoiono. L'incontro dei leader mondiali a COP22 puo' aiutare a salvare le vite dei bambini con impegni concreti per ridurre l'inquinamento atmosferico collegato al cambiamento climatico e con investimenti sulla prevenzione e sulla sanita'", ha continuato Ndiaye. 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]