Martedì, 19 Giugno 2018 13:49

Il Pericles International Prize al Nobel Thomas Sudhof e a Paolo Chiesi

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Premiati il nobel per la Medicina nel 2013 e il fondatore di una delle più prestigiose case farmaceutiche italiane. Presente anche il Magnifico Rettore Eugenio Gaudio dell’Università Sapienza di Roma   R

OMA  - E’ stato conferito al prof. Thomas Südhof, premio Nobel per la Medicina nel 2013, e a Paolo Chiesi, vicepresidente della Chiesi Farmaceutici di Parma, il "Pericles International Prize". La cerimonia di consegna si è svolta lunedì 18 giugno 2018 presso l’Hotel Hassler di Roma, in una sala gremita di illustri ospiti, molti dei quali provenienti dal mondo accademico e della ricerca scientifica.

Le motivazioni del conferimento a Thomas Südhof sono basate sulla sua scoperta dei meccanismi molecolari e ionici della trasmissione sinaptica del cervello "che ha aperto nuove vie per lo sviluppo di farmaci innovativi nel trattamento delle malattie neurodegenerative”. 

A Chiesi il premio Pericles è stato conferito "per il ruolo straordinario da lui svolto nella ricerca che ha permesso di immettere in commercio il primo prodotto al mondo (Holoclar) a base di cellule staminali per riparare lesioni da ustioni degli occhi, restituendo così la vista a persone cieche".

"Negli anni precedenti - afferma Giuseppe Nisticò, presidente della Pericles International Academy ed ex presidente della Regione Calabria - il Pericles era stato conferito a numerosi premi Nobel come Renato Dulbecco, Rita Levi-Montalcini, John Eccles, John Vane, nonché a scienziati di fama internazionale come Sir Salvador Moncada, Roberto Crea, Napoleone Ferrara. E' stato inolre conferito a figure di altissimo prestigio come Francesco Profumo, ex Ministro del Miur, Annibale Marini, ex Presidente della Corte Costituzionale, Franco Salvatore, Presidente del Ceinge di Napoli, Michele Gallucci, urologo di fama internazionale del Regina Elena di Roma". 

“Il premio consiste in un’opera d’arte del Maestro Gerardo Sacco, orafo di Crotone di fama internazionale e rappresenta una targa d’argento con l’immagine di Pericle e sullo sfondo un sole rosso all’alba che riflette i suoi colori sulle acque blu del mare Ionio". 

Thomas Südhof  ha ricevuto il premio Nobel per i suoi studi sulla trasmissione sinaptica e sul ruolo degli ioni calcio nel controllo di questo importante processo. Attualmente svolge la sua attività presso la Facoltà di Medicina della Stanford University di San Francisco. 
Chiesi, insieme con il fratello Alberto, Presidente della Chiesi, ha trasformato la loro industria di Parma da impresa piccola o media di tipo familiare ad una industria multinazionale con sedi in vari Paesi del mondo (Chippenham in Gran Bretagna, Lidingo in Svezia, Parigi in Francia e Rockville negli USA). 

Inoltre, ha realizzato a Modena uno “spin-off” di Medicina Rigenerativa dove sono stati realizzati prodotti di avanguardia che costituiscono il fiore all’occhiello dell’Europa nel mondo. La Chiesi attualmente è leader nel mondo di farmaci usati con successo nel trattamento di malattie respiratorie come l’asma, la broncopneumopatia cronico-ostruttiva (BCPO) e altre malattie pediatriche. 

Last modified on Martedì, 19 Giugno 2018 18:08

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Opinioni

La vittoria sulla paura: vincere contro il cancro si può

Sul mare di Bari  al  2° Trofeo Nazionale “LILT di Dragon Boat tenutosi  il 22 e 23 settembre vince l’equipaggio in rosa delle  Pink Butterfly dell’associazione Pagaie Rosa dragon boat...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Donna: sinonimo di genio e creatività

Non solo Rita Levi di Montalcini o Frida Kahlo, scienziate di fama o celebri artiste:ci sono donne altrettanto geniali ma meno conosciute alle quali dobbiamo comunque  grazie, a cominciare da...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077