Mercoledì, 05 Ottobre 2011 11:10

Germania, condannato Demjanjuk, carnefice di Sobibor

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Nuovi processi per centinaia di ex guardie



MONACO DI BAVIERA - Monaco, 5 ottobre 2011. Giovedì scorso la corte penale di Monaco, in Germania, ha condannato John Demjanjuk a cinque anni di carcere per i crimini che commise durante la Seconda guerra mondiale nel campo di sterminio di Sobibor, provocando la morte di 27.900 ebrei. Demjanjuk, di origini ucraine, ha 91 anni ed è stato dichiarato colpevole di omicidio di massa in quanto guardia nel campo polacco. Il criminale nazista era stato assolto vent'anni fa dalla corte suprema dello Stato di Israele, dopo essere stato condannato a morte in quanto riconosciuto da testimoni come la famigerata guardia nota agli internati ebrei come "Ivan in Terribile". I suoi legali presenteranno appello. In seguito alla condanna di Demjanjuk centinaia di fascicoli giudiziari riguardanti altrettante ex guardie presso i campi di morte sono stati riaperti.

 

"E' una forma di giustizia tardiva e incompleta, ma va accolta positivamente, perché si tratta del risultato della tenacia di tanti sopravvissuti e amici della Shoah che non hanno mai rinunciato a chiedere conto di crimini efferati contro gli ebrei e le altre minoranze perseguitate dai nazifascisti," commentano Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, co-presidenti del Gruppo EveryOne, organizzazione che fa parte del network internazionale 'United', che si batte contro il riaffiorare di nazismo e negazionismo. "Ora è importante che i processi contro gli aguzzini di Auschwitz, Sobibor, Treblinka, Belzec e degli altri luoghi di tormento e sterminio vengano celebrati, rispondendo a un grido di giustizia che giunge dagli anni più oscuri della nostra Storia. Sarebbe inoltre opportuno che l'Italia riaprisse le pratiche giudiziarie (almeno sotto forma di processi alla memoria) legate ai criminali di guerra che perseguitarono e uccisero tanti innocenti, per motivi etnici o politici, nei campi di concentramento del nostro paese. Conosciamo i nomi di molti di loro, che sfuggirono alla giustizia a causa di un'amnistia che fu emessa proprio per evitare la loro condanna e che fu estesa anche ai condannati in contumacia".

Last modified on Mercoledì, 05 Ottobre 2011 12:33

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]