Lunedì, 28 Febbraio 2011 13:15

Jazz. Giovanni Guidi Quintet sulle strade della sperimentazione

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA - Non è più una promessa del jazz italiano: Giovanni Guidi, giovane ma già esperto pianista, può così lanciarsi sulle strade della sperimentazione musicale con un quintetto a suo nome.

E chiamare a suonare sotto la sua direzione artisti con un pedigree consolidato: uno su tutti, Gianluca Petrella, affermatissimo trombonista apprezzato anche Oltreoceano. Nell'ambito della rassegna “Musica per Roma”, il Giovanni Guidi Quintet si è presentato all'Auditorium Parco della Musica nella sua formazione più recente: ad accompagnare il leader ci sono Thomas Morgan al contrabbasso, Gerald Cleaver alla batteria e Michael Blake al sax tenore e appunto Petrella.
I cinque hanno realizzato anche un disco, (We don't live here anymore), dal quale attingono per questa esibizione, assieme al precedente album di Guidi (The House Behind This One). L'approccio è piuttosto ostico per le orecchie del pubblico: la sperimentazione è sì testimonianza di coraggio ma, spinta all'eccesso, può provocare straniamento negli ascoltatori. Durante Windmill piano e contrabbasso dettano il timing con lentezza, e lasciano ai fiati il compito di delineare il tema. Uno schema che si ripeterà anche in Begatto Kitchen, anche se qua l'attacco sarà dettato da Petrella e Blake.


E sono proprio sax e trombone a imporsi come primattori del combo: ottimi sia in tandem (Begatto Kitchen e Neverland Last Days) che nei duetti con gli altri (Guidi e Blake in Neverland Last Days, e forse ancor più Petrella e Cleaver in Oczer). Se i due fiati non avevano bisogno di molte presentazioni, ha sorpreso la sicurezza della sezione ritmica: Morgan e Cleaver hanno mantenuto un sound sempre pulito, che ha messo a proprio agio gli altri componenti della band (anche se l'assolo di batteria in Neverland Last Days ha strappato applausi).
Dal canto suo, Guidi non ha mai dato l'impressione di voler forzare sui tasti, preferendo il ruolo di collante (quello che si richiede a un leader) a quello di solista (eccezion fatta per l'assolo di Neverland Last Days). In generale, il quintetto è sembrato più convincente nei brani più fluidi, quando il gusto per la melodia ha superato quello per l'approccio più introspettivo. Ma il gruppo è giovane e di talento e avrà tempo per affinare anche questi aspetti.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]