Giovedì, 19 Giugno 2014 10:45

Genesis: con Nursery Cryme inizia la maturità

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

 

Nel 1971 usciva il disco del gruppo di Peter Gabriel con la formazione storica

MILANO - “Nursery Cryme” è il disco della svolta e della maturità di un gruppo inglese formato da giovani musicisti che faticò non poco per affermarsi soprattutto in patria. I Genesis si formarono nel 1968 nell’austera Charterhouse School di Godalming, una cittadina nei pressi di Londra. La band in origine è formata da Peter Gabriel voce e flauto, Mike Rutherford, basso e chitarre acustiche, Tony banks all’organo, tutti e tre 18enni più Anthony Phillips alla chitarra elettrica e John Silver alla batteria. Dopo un primo album, “From Genesis to revelation” (1969) praticamente inosservato da pubblico e critica (vendette meno di 700 copie in Inghilterra), ci fu un momento di profondo sconforto tra i componenti del gruppo. John Mayhew prese il posto del mediocre John Silver alla batteria e la prima svolta fu l’incontro con il produttore Tony Stratton-Smith.

Con quest’ultimo i Genesis compiono un grande passo in avanti sia nella qualità delle composizioni che nell’approccio strumentale. Il secondo album, “Trespass”, fu pubblicato il 23 ottobre del 1970. I cinque musicisti si erano profondamente impegnati per migliorare il sound ma il pubblico inglese rimase ancora  una volta indifferente. Il disco arrivò solamente al 98° posto delle classifiche inglesi con vendite scarse. L’unico dato positivo venne dal Belgio (1° posto) e dall’Italia (l’album entrò nella top 20). Il dopo Trespass fu un periodo di grandi tensioni tra i componenti del gruppo che rischiò di sciogliersi. Come spesso accade, nei momenti di crisi, ‘spuntano’ episodi importanti. Dopo l’abbandono del chitarrista Anthony Phillips, nel gennaio del 1971 venne assunto il 20enne batterista Phil Collins al posto di John Mayhew che non era più in sintonia con la scelta di comporre brani sempre più lunghi e complessi. Per diversi mesi i Genesis suonarono in quattro senza un vero e proprio chitarrista. Fondamentale per la credibilità personale del gruppo fu la tournée europea che il produttore Tony Stratton Smith organizzò tra il febbraio e il marzo del 1971 con i  Van Der Graaf Generator e i Lindisfarne. In quel contesto i Genesis, concerto dopo concerto, maturarono notevolmente e anche il pubblico cominciò ad amarli. Nell’autunno del 1970 Peter Gabriel lesse un annuncio di un giovane chitarrista, Steve Hackett. Il gruppo completava la formazione che sarebbe poi definita come quella del periodo classico.

Con Hackett il gruppo perfeziò ulteriormente le composizioni e gli arrangiamenti. Dal vivo i concerti dei Genesis erano sempre più seguiti. Il nuovo album doveva essere quello della svolta. Non ci sarebbero stati più alibi. Il 12 novembre del 1971 fu pubblicato “Nursery Cryme”. In Inghilterra non andò bene, fermandosi al 39° posto. Decisamente meglio in Italia (4° posto), Belgio e Olanda entrambe al 1° posto. Dal punto di vista musicale la crescita rispetto a “Trespass” era impressionante.

“Nursery Cryme”, terzo lavoro della band, è l’album della completa maturità compositiva e della padronanza strumentale. Nel disco spiccano lunghi e complessi brani come “The musical box” e “The Fountain of the salmacist”, in cui emerge la grande abilità del gruppo per gli arrangiamenti sapientemente dosati tra momenti intimisti e situazioni più aggressive e drammatiche. Le tastiere di Tony Banks caratterizzavano tutti i brani con un grande senso orchestrale, le chitarre di Hackett completavano e rifinivano l’affresco musicale, la voce e il flauto di Gabriel raccontavano storie favolistiche e metaforiche della rigida e repressiva società inglese. Infine il raffinato stile di Phil Collins era garanzia di complesse situazioni ritmiche che spesso cambiavano all’interno dei singoli brani. Il disco risente molto della musica classica ottocentesca (soprattutto gli autori Ravel e Debussy) molto amati e studiati da Tony Banks e il romanticismo letterario inglese. Da questo momento in avanti la carriera dei Genesis sarà caratterizzata da un crescendo vertiginoso sia dal punto di vista delle composizioni che per il riscontro delle vendite discografiche. “Nursery creme” rimane la prima perla sonora di un gruppo che ha fatto la storia della musica rock degli ultimi 45 anni.

 

Last modified on Giovedì, 19 Giugno 2014 10:48

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

Poesia

Ragazza di vita

Bellissima...  abitava nel suo corpo puro ma in egual tempo ingombrante nella sua sensuale pienezza. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 77. Tutti premi della Cinéfondation

Cannes 77. Tutti premi della Cinéfondation

La giuria dei cortometraggi e della Cinéfondation composta da Damien Bonnard, Rachid Bouchareb, Claire Burger, Charles Gillibert, Dea Kulumbegashvili et Céline Sallette,  ha assegnato sulla scena del Grand Théâtre Lumière...

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni …

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni in un docu-crime di denuncia

Un racconto dettagliato di eccezionale impatto emotivo  rivissuto  dai suoi protagonisti  

Elisabetta Castiglioni - avatar Elisabetta Castiglioni

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

ROMA – I recenti dibattiti apparsi sui media e social-media per la soppressione di alcuni cinghiali avvenuta quasi nel cuore di Roma, hanno riacceso l’attenzione sulla coesistenza tra uomo e...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Sport

E se fosse l'anno buono della Roma?

E se fosse l'anno buono della Roma?

Ad inizio campionato non era ritenuta tra le favorite per la lotta allo scudetto.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]