Lunedì, 07 Luglio 2014 11:07

“Hunky Dory”, nasce il mito di David Bowie

Scritto da
Rate this item
(4 votes)

Nel 1971 viene pubblicato l’album che proietta l’artista ad un successo mondiale

Una giornata meravigliosa al parco... Mi incamminai lungo Beckenham High Street per prendere l’autobus per Lewisham per andare a comperare scarpe e camicie, ma non riuscii a togliermi quel motivetto dalla testa... Iniziai a lavorarci su al pianoforte e già nel tardo pomeriggio completai l’intera parte lirica e la struttura melodica. Rick Wakeman mi raggiunse un paio di settimane dopo arricchendo gli arrangiamenti al piano, mentre il chitarrista Mick Ronson creò una delle sue prime e migliori partiture di archi per questa canzone che è un elemento classico nei miei concerti dal vivo”  (David Bowie sulla canzone “Life on Mars?”)

MILANO - David Bowie è uno degli artisti più originali, creativi ed influenti in attività. In quasi cinquant’anni di carriera ha esplorato i più disparati linguaggi musicali, anticipando mode e fenomeni di costume. Il musicista londinese non è mai rimasto fermo sulle sue posizioni, ha sempre cercato di rinnovarsi, di cambiare, di mutare e soprattutto di stupire. Attivo dalla seconda metà degli anni Sessanta, ha pubblicato 26 album in studio, 8 dal vivo, 46 raccolte e tre colonne sonore. Come attore è apparso in 25 film, tra cui successi come “The prestige”, “Furyo” e “L’ultima tentazione di Cristo”. Nel corso della sua carriera si calcola che abbia venduto circa 140 milioni di dischi in tutto il mondo.

Nel 1971 dopo aver scritto tre album, il 24enne David Bowie ancora non è pienamente soddisfatto della sua carriera musicale. Capisce che rispetto ai dischi precedenti deve perfezionare e migliorare gli arrangiamenti e soprattutto vuole un suono più vivo e limpido. Tra la primavera e l’estate del 1971 si reca negli studi Trident di Londra con un gruppo di eccellenti musicisti: Rick Wakeman al pianoforte, Mick Ronson alle chitarre e mellotron, Trevor Bolder al basso e alla tromba, Mick Woodmansey alla batteria, più ovviamente lui stesso alla voce principale, ai sassofoni e al piano. La produzione è affidata a Ken Scott, persona di grande esperienza nel mondo degli studi di registrazione londinesi. Il risultato è straordinario: “Hunky Dory” è il primo classico della carriera di David Bowie. Tutto risulta enormemente superiore rispetto agli album precedenti del cantante. Nel disco ci sono canzoni che sono entrate nell’immaginario collettivo come “Changes”, la splendida “Life on Mars?”, “Andy Warhol”, dedicata al celebre artista statunitense, e “Song for Bob Dylan”. 

Inserito cronologicamente tra l'hard rock occultista di “The Man Who Sold the World” (1970) e la fantascienza glam di “Ziggy Stardust” (1972), “Hunky Dory” presenta tutti gli elementi chiave della musica di Bowie in una veste ‘pop’ (in senso warholiano) elegante ed efficace. Definito da Stephen T. Erlewine di Amg “un assortimento caleidoscopico di stili pop uniti insieme dal senso visionario di Bowie, un vasto puzzle cinematografico di arte alta e bassa, sessualità ambigua, kitsch e classe”, l'album mette in luce soprattutto l'abilità acquisita dall'artista inglese nel riscrivere il vocabolario del rock utilizzando forme già note, ma inconfondibilmente marchiate dalla sua impronta. Titoli di canzoni che nominano Andy Warhol e Bob Dylan sono un buon indizio della piega musicale di “Hunky Dory,” molto più vicino al pop onirico di “Space Oddity” che agli stilemi proto-metal esibiti nell'album dell'anno prima. L'atmosfera è tutto sommato giocosa almeno fino all'ultima traccia, “The Bewlay Brothers”, definita da Roy Carr e Charles Shaar Murray “la canzone più densa e impenetrabile di Bowie”. Come riporta Nicholas Pegg in The Complete David Bowie, il titolo “Hunky Dory” (traducibile come “ottimo”, “eccellente”) era stato rivelato nel corso della sessione BBC registrata il 3 giugno 1971 ed era stato suggerito da Bob Grace. Il general manager della Chrysalis raccontava di un ex ufficiale della Raf, proprietario di un pub ad Esher, il cui vocabolario “era infarcito di espressioni gergali come ‘prang’ e ‘whizzo’. Un'altra era “è tutto hunky-dory”. Lo dissi a David e gli piacque moltissimo”.

“Hunky Dory” fu anche primo grande successo internazionale di David Bowie. Quando fu pubblicato, il 17 dicembre del 1971, il successo fu immediato, ottenne un disco di platino e uno di argento e spianò il grande successo mondiale per i successivi album del musicista londinese.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]