Mercoledì, 13 Aprile 2011 13:10

Stazione Birra. Torna il progressive raffinato dei Pendragon

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA - Se negli anni ottanta eravate adolescenti o poco più grandi sicuramente ricorderete una canzone e relativo video, allora trasmesso dalla vecchia Videomusic e da una trasmissione delle reti Mediaset, Deejay Television, che spopolò nell’estate del 1985: la canzone si chiamava “Kayleigh” e gli interpreti erano i Marillion,band troppo spesso liquidata come una pallida copia dei primi Genesis, quelli con Peter Gabriel alla voce non ancora sostituito da Phil Collins.

I Marillion furono gli alfieri del “Neo-progressive” britannico degli anni ottanta insieme ad altri gruppi, tra i quali i Pendragon, band inglese di Stroud, Gloucestershire, formatasi nel 1978 per volontà di Nick Barrett, cantante. chitarrista e leader indiscusso, che proprio nel 1985 pubblicò il primo album vero e proprio, “The Jewel”.

Non ebbero il successo dei Marillion, ma quel disco contribuì a farli conoscere a tutti gli amanti di un genere, il Progressive, che salvo rari casi, King Crimson, Genesis, Yes solo per citare le band più famose, difficilmente riesce a flirtare con le zone alte delle classifiche. A quel disco seguirono dei lavori abbastanza controversi, dall’ambizioso ma poco riuscito “Kowtow” al più melodico “The World” del 1991, fino ad arrivare a “The Window Life”, in cui sono ben delineati i riferimenti, Genesis e Pink Floyd su tutti. Ma è con il successivo “The Masquerade Overture”, da molti considerato il loro capolavoro assoluto, che i Pendragon cercano di scrollarsi di dosso qualsiasi riferimento a gruppi più famosi e di creare un proprio sound facilmente riconoscibile.


Da questo momento in poi, siamo nel 1996, la loro produzione artistica si dirada ulteriormente: solo altri tre album, compensati però da una intensa attività live. E’ del 2008 “Pure”,  lavoro che segna il tentativo di abbracciare territori mai esplorati, una sorta di prog- metal che viene accolto favorevolmente dai fan. Il 2011 sarà un anno particolarmente intenso per la band: è da poco uscito “Passion”, loro ultima fatica, e per promuoverlo inizierà un lungo tour che li vedrà protagonisti un po’ ovunque in Europa, Italia compresa. Della formazione originale oltre a Nick Barrett sono rimasti il bassista Peter Gee e il tastierista Clive Nolan: è con questa formazione, a cui si aggiunge il batterista Scott Higham, loro acquisto più recente, che i Pendragon saranno in concerto a Stazione Birra il prossimo 27 aprile per una serata che si preannuncia all’insegna del progressive più raffinato, e che riafferma la tradizione dello storico locale nei confronti di questo tipo di musica.   

Stazione Birra– Via Placanica, 172 – Roma

Pendragon
 Giovedì 27 Aprile

Info: 06 79845959
  Stazione Birra

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Verso l'eternità

Prigionieri nei limiti del tempo  accettiamo la vita  con l’angoscia  che tutto è temporale  non eterno. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

Romanzi e racconti

Note fuori margine. Decimo episodio: "Le piccole cose"

Note fuori margine. Decimo episodio: "Le piccole cose"

L'ultimo episodio di "Note fuori margine" affronta le "piccole cose" che fanno grande l'inclusione. L'inclusione, infatti, non è soltanto una bella parola, ma è un pensare e un agire quotidiano...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. Il 3 giugno conosceremo i film del festival in “lockdown”

Cannes 73. Il 3 giugno conosceremo i film del festival in “lockdown”

PARIGI - Cannes 73, il festival che quest’anno non ha avuto luogo a causa del Covid 19, vuole ricordare la sua esistenza e quella dei film che avrebbe presentato, attraverso...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Sport

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Primi verdetti in Champions League, ancora presto per capire chi arriverà fino in fondo, ma certamente si può cominciare a dare un giudizio parziale sulle principali candidare a salire sul...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]