Giovedì, 08 Settembre 2016 13:17

Venezia 73. Lo sguardo dell’Oriente al Lido

Scritto da

LIDO DI VENEZIA - Tra i film arrivati dall'Oriente alla 73esima Mostra del Cinema di Venezia, c'é grande attesa per l’unica pellicola asiatica in concorso: The Woman Who Left del regista filippino Lav Diaz.

Ambientato nel 1997, racconta la storia di Horacia, una donna finita in carcere ingiustamente per 30 anni, accusata di un crimine mai commesso.  Tornata in libertà scoprirà che il suo mondo affettivo é radicalmente cambiato, il marito é morto e la figlia é scomparsa. Lav Diaz é una delle punte di diamante della cinematografia filippina.  Al suo esordio in concorso al Lido, un rappresentante della cinematografia asiatica senza dubbio unico e speciale, che ha sempre offerto opere singolari di grande vitalità. Inoltre il cineasta filippino é capace di creare un legame speciale tra lo spettatore e i suoi personaggi descrivendo condizioni esistenziali sempre universali.  Le sue pellicole sono celebri per la durata ricordiamo all’ultima Berlinale, il film  in bianco e nero, di 8 ore, a Lullaby to the Sorrowful Mystery e nel 2014 a Locarno il Pardo d'oro durato 4 ore; From What Is Before. Con The Woman Who Left, 226 minuti, ci attendiamo una pellicola poetica sull'esistenza umana.  

Un primo piano sulla vita dei più oppressi, in un mondo messo a dura prova da condizioni ostili, l’ha offerto “The  Net”, un film d"accusa, tragica storia di un pescatore raccontata dal regista Sud Coreano Kim Ki Duk, che narra la solitudine di un uomo in un sistema che imbriglia con soprusi, senza via d'uscita, il regista Leone d'Oro nel 2012 con Pietà, ci ha proposto un tema di portata universale

Nel film vediamo come la sete di potere, arricchimento, prevaricazione siano le costanti di un mondo che non ha più alcun rispetto del singolo individuo Il film é ambientato nella Corea del Sud e nella Corea del Nord, due realtà differenti, due paesi che vivono un teso conflitto, uno con dittatura Comunista, l'altro Capitalista, due differenti realtà sociali, ma che portano il singolo individuo a un medesimo risultato e il diritto del più forte é il solo a essere riconosciuto.

Il protagonista un pescatore Nam Chul-woo interpretato magnificamente, da Ryoo Seung-bum, nato in Corea del Nord vivrà una kafkiana avventura, in seguito a una deriva giungerà nella Corea del Sud, dove dovrà affrontare interminabili interrogatori, soprusi, controlli in nome della sicurezza nazionale, poi rientrerà libero nel suo paese d'origine, ma in sostanza non cambierà molto per lui.

Sempre dalla Corea del Sud coinvolgente il film fuori concorso The Age of Shadows di Kim Jee woon, con i suoi inseguimenti e sparatorie che tengono in tensione lo spettatore. La storia di spionaggio, ambientata negli anni 30, vede Gong nei panni del leader degli Heroic Corps, un violento gruppo coreano che spinge in ogni modo per l’indipendenza dall'imperialismo del Giappone. Nel film Song interpreta un agente segreto, un coreano doppiogiochista che lavora per i giapponesi e cerca di ostacolare la rivolta.  

 Venezia ha accolto fuori concorso, il ritorno dell' autore cinese Ku Qian con Bing Wang, (In cerca di una vita migliore) al Lido in concorso nel 2010 con Tre sorelle di Yunnah, un film documentario, splendido racconto in immagini, che ha ricevuto il Gran Premio nel 2012 nella sezione Orizzonti. 

Il film documentario é una cronaca amara e tragica della Cina di oggi, dove i migranti che arrivano cercando una vita migliore trovano solo modeste opportunità e condizioni di vita difficili che spingono tutti a rapporti violenti e oppressivi. 


 

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]