Sabato, 31 Dicembre 2016 14:04

Arriva all’Auditorium il Pianista Leggendario di Yarmouk

Scritto da
Rate this item
(2 votes)

ROMA  - “Suono la mia musica per regalare speranza”, ha dichiarato Aeham al-Ahmad alla stampa italiana poco più di un anno fa. 

Aeham, forse ai più noto come il Pianista Leggendario di Yarmouk, campo profughi, suonava tra le macerie il suo piano - una sua foto e un suo video che hanno fatto il giro del web raccontano questo suo impegno -. Ed era proprio questo suonare il suo dono, questa la speranza che regalava.

Il 6 gennaio a Lacorotondo Aeham inaugurerà la sua prima tournée italiana che il 7 gennaio lo porterà a Roma all’Auditorium Parco della Musica (Sala Petrassi, ore 21,00),  il 22 gennaio a Mestre, il 27 a Taranto, il 2 febbraio a Firenze e il 4 febbraio ad Aosta. 

Così, la speranza di cui parlava Aeham segnerà in Italia le prime note del 2017 e per chi si farà il dono di andare ad ascoltarlo questo concerto diventerà l’occasione di sentire da vicino il sentimento, questa malinconia persino, che il Pianista Leggendario di Yarmouk trasmette grazie alla sua musica, lo strumento personale con cui Aeham costruisce la speranza di un mondo che sia diverso.

La storia di Aeham arriva da molto lontano. 

E’ quella di un ragazzo di ventotto anni, impiegato nell’attività commerciale del padre, un negozio di strumenti musicali. Una storia che ha fatto il giro del mondo grazie a dei video che lo vedono suonare tra le macerie di Yarmouk, il campo profughi palestinesi alle porte di Damasco, dove suonava per tutte le persone sfiancate dall’assedio delle truppe di Assad, dai jihaidisti, come dai bombardamenti e dalla fame.

Ed era il giorno del suo compleanno quando nel campo sono giunti i miliziani dell’ISIS e hanno bruciato il pianoforte di Aeham. Perché? E’ stato giudicato “haram”, vale a dire uno strumento “proibito”.

La risposta di Aeham a questo gesto è stata una fuga, ma una fuga per riappropriarsi della sua musica, come del messaggio che voleva e intende tuttora portare avanti. Una fuga per continuare ad affermare il suo progetto di vita.

Con uno zaino in spalla e, si dice, la miseria a tracolla Aeham ha trovato rifugio in Germania, in un vecchio motel abbandonato, proprio lì c’era un pianoforte.

Ha ricominciato così a fare ciò che faceva a Yarmuk, a suonare e a cantare per i bambini sballottati dall’esilio; ha iniziato, pure, a fare concerti e ha ricevuto un premio per il suo impegno costante per i diritti umani. Sua è la conquista del premio Beethoven e un suo disco uscirà a breve.

Oggi la sua storia, la sua umanità, la sua tenacia a molti potrebbe o dovrebbe ricordare la storia di Anas al-Basha l’operatore sociale di 24 anni che ad Aleppo per mesi si è travestito da clown: era impegnato a far ridere i bambini orfani e traumatizzati dal conflitto. Ma Anas al-Basha è stato ammazzato (non solo lui) dalle bombe ad Aleppo. Un'occasione, questo debutto in Italia, di Aeham per ricordare anche Anas al-Basha.

Siria: Yarmouk la canzone di Ahmad

 

Correlati

Ultime da Isabella Borghese

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Europa

Resisti mia bella Europa verdeggiante culla dei secoli.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La ruota della vita

Si cresce e dentro si muore Si grida e nessuno ci ascolta.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quando l’intimità si fa politica attraverso la pittura. Intervista a Romina Bass…

Parlare di donne e politica in tempi di ritorno femminista significa addentrarsi in un periglioso terreno, col rischio che tutto venga fagocitato da nuovi slogan e propaganda di movimento.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 72. I diritti umani sulla Croisette. Tutti i premi

CANNES – Le opere cinematografiche create e scelte per la kermesse del 2019 distinguono la sensibilità di un gruppo sociale, il suo desiderio di indirizzare il mondo, in una parola...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Fertilità. L’orologio biologico non segue i nostri comodi

Convegno Rotary con il dottor  Alberto Vaiarelli, specialista di medicina della riproduzione, fondatore di ”Idee fertili”

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]