Sabato, 10 Settembre 2011 13:45

68° Mostra del Cinema di Venezia. L’ultimo terrestre. La recensione. Il trailer

Scritto da

LIDO DI VENEZIA - Terzo film in concorso alla 68a Mostra del Cinema di Venezia, “L’ultimo terrestre” è l’esordio alla regia di Gian Alfonso Pacinotti, noto ai più con lo pseudonimo Gipi, apprezzato fumettista che per l’occasione adatta per il grande schermo la graphic novel “Nessuno mi farà del male” di Giacomo Monti.


Il film è ambientato nei giorni nostri, in un’Italia annoiata e distratta che attende l’annunciato arrivo degli extraterrestri. Il protagonista, Luca Bertacci, interpretato da un bravissimo Gabriele Spinelli, trascorre la sua vita tra il lavoro come barista in una sala bingo e pranzi con il padre; nel frattempo nutre un’attrazione inconfessabile nei confronti della vicina di casa, Anna.
Sono soprattutto con le donne i problemi maggiori di Luca: abbandonato dalla madre quando era piccolo, è cresciuto nell’odio nei confronti del genere femminile e nell’incapacità a relazionarsi con gli altri, eccezion fatta per il suo migliore amico, un trans che si fa chiamare Roberta, interpretato da Luca Marinelli, già protagonista insieme ad Alba Rohrwacher di forse il più bel film italiano della passata stagione, “La solitudine dei numeri primi”.
L’arrivo degli extraterrestri rappresenterà  l’occasione di riscatto per Luca, e anche grazie agli alieni riuscirà a scoprile la terribile verità che si cela dietro la scomparsa della madre.
Film dai ritmi lenti e dai toni tra il surreale e il grottesco, “L’ultimo terrestre” è, come dichiarato dal regista stesso, una storia d’amore e d’amicizia, dove i cattivi sono veramente orribili e violenti: ma un po’ tutti i personaggi risultano essere troppo caratterizzati, arrivando ad assumere dei caratteri macchietistici o addirittura caricaturali.


Sostenuto da un’ottima fotografia e da un’azzeccata colonna sonora, con brani del gruppo tedesco Digitalism, il film ci regala almeno due sequenze memorabili: quella del pestaggio del trans, con la camera fissa all’interno dell’automobile a riprendere ciò che accade all’esterno; e quella iniziale, con Luca impegnato in un appuntamento con una prostituta sui letti esposti in un grande mobilificio, con un enorme cartello pubblicitario raffigurante una famiglia felice che li sovrasta da fuori.
Da segnalare nel film la presenza di Roberto Herlitzka, l’indimenticato Aldo Moro in “Buongiorno notte” di Bellocchio, nel ruolo del padre di Luca.

Titolo originale: 
L’ultimo terrestre

Nazione: 
Italia
Anno: 
2011

Genere: 
Commedia - Fantascienza

Durata: 
96’

Regia: 
Gian Alfonso Pacinotti


IL TRAILER

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]