Mercoledì, 05 Marzo 2014 16:24

Piazza delle arti. Intervista a Francesca Cavallin

Scritto da

ROMA - E' prevista per il 28 Febbraio la scelta della prima opera che permetterà ad uno dei partecipanti di Piazza Delle Arti, piattaforma digitale che vuole lanciare nuovi talenti,  di esporre a casa di Francesca Cavallin, nota attrice italiana, la sua creazione. Valentina Marchetti ha intervistato la bella attrice perché racconti di questa esperienza ai lettori di Dazebao.

D. Quando ha deciso di partecipare a Piazza delle Arti? 

FC: Ne ho avuto richiesta dall'organizzatore, sapeva del mio lavoro legato all'arte, Piazza delle Arti era un'idea pioneristica, l'ho trovata una soluzione 'altra', ho dato disponibilita' ed entusiasmo subito perche' mi aveva subito appunto entusiasmato come iniziativa.

D.  Cosa e chi le piace di più nell'arte contemporanea? 

FC: Avevo ai tempi dell'universita', un bagaglio piu' classico, sull'arte "passata" più che su quella contemporanea, volevo fare la critica d'arte, andai le confesso addirittura con sospetto al corso di arte contemporanea, dove avevo bisogno davvero del professore che me la spiegasse (le faccio un esempio: pensi alla 'merda' d'artista di Manzoni: per me era una cosa che non capivo, che volevo mi fosse spiegata). Grazie a questa professoressa poi mi sono innamorata.  Ho cambiato materia della tesi. Sopratutto nell'arte contemporanea trovo due aspetti interessanti per arrivare alla domanda: il fatto che l'artista fosse libero dalla committenza. 

E questo da' liberta', ma e' anche un'arma a doppio taglio, perche' si e' si' liberi, ma si deve anche sopravvivere pur non avendo una committenza. Poi la commistione tra l'arte di per se' e la componente filosofica, il messaggio, pensi a Picasso, Duchamp. L'”idea”, che e' dunque piu' importante dell'arte di per se'.  Ed e' anche una chiave con cui guardare il mondo e il presente. Pensiamo al secolo del '900, con le Avanguardie per poi arrivare alla tecnologia, un secolo in cui abbiamo cambiato il modo di comunicare, pensiamo al cellulare ad esempio. Il '900 ha prodotto grandissima arte. Trovo inoltre che gli artisti abbiano un po' una sorta di 'antenne' e che la loro, anche se non vengono compresi spesso, sia una visione piu' acuta anche del presente. 

D. Cosa deve colpire la sua attenzione a livello artistico in un'opera? Mi riferisco anche alla scelta dell'opera per Piazza delle arti

FC: Ho guardato ogni singola opera di tutti gli artisti (800). I miei criteri fondamentali di selezione  si basano su un dato tecnico, (capacità tecnica),relativo al tipo di ambito, a seconda che si tratti di pittura, scultura, fotografia, fumetto, poi un discorso sul contenuto, ossia sul discorso che debba sussistere,  una poetica dietro l'opera. Riassumendo dunque coerenza tecnica e contenutistica ma anche stilistica.  Nel senso di un 'segno' che renda gli artisti riconoscibili. Inoltre il mio approccio e' legato anche al mio gusto, le emozioni che provo, anche quelle emozioni razionali che detto cosi' sembra un ossimoro, ma che ad esempio in Picasso ho, una sorte di emozione di pensiero. E se un artista riesce a darmi questo per me e' importante. Una cosa che ho rilevato nella selezione, e' anche mettere una sola foto, che non e' sufficiente perche' in questo modo non viene fuori la poetica, una solo foto o opera puo' essere estemporanea, non permette di valutare a fondo 'la statura' intellettuale di una persona.

D. Ha partecipato ad importanti serie tv italiane come Un medico in famiglia, Olivetti, Tutta la musica del cuore. Quanto é diverso  lavorare per una fiction e per il cinema?

FC: Non c'e' nessuna differenza. In Italia c'e' questa sorta di provincialismo, ma non all'estero. E' solo una differenza di tempo che si impiega nel girare le scene per una fiction rispetto ad un film, ma in termini di qualita' attoriale, lavoro del regista e tecnici non cambia nulla, non vi sono differenze. Se poi parliamo della differenza tra un film d'autore e una fiction e' un altro discorso. Dipende anche dai mezzi in termini economici, magari e'un po' brutto dirlo ma a parte questi aspetti e il fatto che a seconda dell'avere magari piu' tempo per studiare le scene anche con gli altri attori, e fare con piu' calma, non ci sono differenze. 

D. Qual un  ruolo che le piacerebbe poter presto interpretare, per il quale non ha ancora avuto la possibilità?

FC: Non mi pongo mai questa domanda. E' la vita che mi porta ad incontrare i miei personaggi, a me piace pensarla cosi'. Magari ho pensato di rivolgermi al teatro, ma sono i personaggi ad entrare nella mia vita, li incontro, hanno una loro vita propria, io non li scelgo mai. 

D. In quali progetti è impegnata in questo momento?

FC: sono impegnata in una fiction di Cinzia Th Torrini intitolata 'Un'altra vita' dove interpreto una donna bipolare. E' un lavoro e percorso molto impervio e complicato ma bello. Anche perche' in Italia se ne parla poco e la bipolarita' non e' considerata una malattia,se ne parla poco. Tenga conto che per informarsi mediante Internet la maggior parte dei siti sono stranieri, americani, in Italia  non viene affrontato come argomento.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]