Lunedì, 06 Ottobre 2014 19:06

Arte. E’ morto a Parigi il grande scultore polacco Igor Mitoraj

Scritto da

PARIGI - Addio a uno dei più grandi scultori contemperai. E’ morto infatti a Parigi lo scultore polacco, Igor Mitoraj, la scorsa notte  all'età di 70 anni. L'artista viveva a Parigi dal 1968, ma aveva uno studio a Pietrasanta (Lu), dove la notizia è arrivata questa mattina. Di Pietrasanta Mitoraj era cittadino onorario fin dal 2001 e qui risiedeva e lavorava per alcuni mesi all'anno.

A dare la  notizia  della scomparsa del grande artista è stata  proprio  l'amministazione comunale di Pietrasanta. Nato a Oederamn nel 1944, di madre polacca e padre francese,  Mitoraj nel 1968 si trasferisce a Parigi dove compie gli studi d'arte. Nel 1979 arriva a Pietrasanta dove entra in contatto con le maestranze locali e dove si trasferisce nel 1983. Considerato uno dei più grandi scultori contemporanei, ha esposto fra gli altri a  Castel Sant'Angelo a Roma (1985), alla Biennale di Venezia (1986), a Palazzo Strozzi a Firenze (1987), al New York Academy of Art, ai Giardini delle Tuilleries a Parigi.

Lo scultore verrà con tutta probabilità seppellito a Pietrasanta, la città nei prossimi mesi gli renderà omaggio con una mostra.

 «La scomparsa di Igor Mitoraj ci priva di un artista che della materia ha fatto armonia, uno scultore che ha amato profondamente e vissuto intensamente il nostro Paese. Con lui se ne va un intellettuale figlio della guerra, cresciuto oltrecortina e maturato in occidente, un autentico esempio di personalità europea che ha saputo interpretare al meglio il proprio talento e che ho avuto il privilegio di conoscere personalmente». Così il ministro dei Beni e delle Attività Culturali, Dario Francescini ricorda lo scultore scomparso. «Sono stato a trovarlo nel suo magnifico laboratorio di Pietrasanta quest’estate e stavamo lavorando, insieme al soprintendente Massimo Osanna, per la realizzazione di una mostra a Pompei dopo le splendide esposizioni di Agrigento e dei Mercati di Traiano a Roma. Portare a compimento questo progetto - conclude Franceschini - sarebbe il modo migliore per ricordarlo e per soddisfare ciò che egli stesso aveva definito il sogno della sua vita».

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Dio è donna

Divinità era donna! Un tuffo nel mito della Grande Madre tra l’immaginario e il reale. L’universo femminile un viaggio alla scoperta dell’altra metà di Dio. C’è stato un mondo diverso dove si venerava la Dea. Ritroviamo la scintilla della divinità...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]