Martedì, 03 Novembre 2015 11:13

Lumine | Visio. La luce dirompente dell’intelletto

Scritto da
Lumine | Visio. La luce dirompente dell’intelletto Joseph Kosuth, Modus operandi, 1988 tubo al neon 72x145 cm courtesy Collezione Jacorossi

Questa sorprendente mostra è stata allestita a Roma presso la libreria Arion di  Piazza Montecitorio e sarà possibile visitarla gratuitamente fino al 10 gennaio

ROMA - Lumine Visio è il terzo capitolo di uno splendido romanzo che Ovidio Jacorossi ha iniziato a scrivere quando ha deciso di rendere fruibili al pubblico alcune delle straordinarie opere presenti nella sua collezione personale. Questo nuovo itinerario artistico, lastricato di gemme preziose, segue quelli dedicati alla “politica” ed alla “guerra” ed ha come cuore pulsante il concetto di “luce”. Le opere esposte sono vibranti esempi di come l’arte italiana e quella internazionale hanno concepito nel corso del secolo scorso questo elemento impalpabile eppure fondamentale alla vita, alla spiritualità, alla creazione. Ne “Il pescatore e la luna” di Corrado Cagli, dipinto che apre l’esposizione, i bagliori di luce danno vita ad una figura enigmatica, affascinante, evocativa. 

La luce è dunque un elemento di creazione e nelle opere di Alfredo Ambrosi (“Ritratto di Benedetta”) e Aleardo Terzi (“Donna seduta”) anima due figure femminili, simboli a loro volta per eccellenza della capacità generativa. Con i “Ghirigori” di Alberto Bragaglia e “La montagna incandescente” di Edita Broglio l’elemento primordiale si fa veicolo di una energia esplosiva che rompe i vincoli della forma per divenire puro potenziale espressivo. Tancredi e Max Ernst (presenti rispettivamente con le tecniche miste “Esplosione di primavera” e “Accueil”) organizzano sapientemente l’energia cromatica in composizioni fortemente armoniche. Le opere di Lo Savio e Castellani danno preminenza ad un rigore logico e geometrico. Sembra ora che l’uomo possa disporre a piacimento della luce. Le creazioni del secondo novecento testimoniano a ben guardare lo sforzo profuso dall’ ingegno umano per controllare e catturare questo elemento (grazie alla macchina fotografica, strumento caro a Prini, De Dominicis, Giacomelli, De Antonis) crearlo artificialmente, disporne secondo le proprie esigenze (il tubo al neon di Joseph Kosuth). 

L’interessantissima creazione di Simeone Crispino e Stella Scala (che si presentano sotto il nome artistico di Vedovamazzei) sembra volerci addirittura illustrare come la luce possa essere incanalata in segni con i quali costruire un nuovo alfabeto. I movimenti fotonici possono orientarsi verso il passato o allucinare gli scenari futuri. Le lampadine di Giovanni Albanese  accendono i ricordi ed illuminano la memoria collettiva. La “Torre di luce” di Fulvio Rendell è invece un’ opera robotica, cinetica, rumorosa, fiammeggiante. In essa si fonde l’idea di uomo quale metodico artigiano ed inventore con quella di uomo quale essere spirituale dalle aspirazioni infinite. Tuttavia nella nostra esperienza di creature fragili ed incerte la luce non è mai conquistata, rimane sempre una aspirazione. La falena di Alessandro Rosa sta lì a ricordarci che siamo esseri che  brancolano nel buio e siamo per questo attratti da ciò che brilla. 

Oltre a quanto illustrato, tanto altro c’è da vedere. Una mostra siffatta, curata da Giulia Tulino, ha l’importante merito di accendere la luce dell’intelletto.

LUMINE | VISIO

Mostra a cura di Giulia Tulino

DATE: dal 28 ottobre 2015 al 10 gennaio 2015

LUOGO: Libreria Arion Montecitorio - Piazza Montecitorio, 59 Roma  

ORARI: lunedì 16-19 – martedi /venerdi 15-19 – sabato11-13 /15-19

INGRESSO LIBERO

INFORMAZIONI:  telefono: +39 06 5077351 e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. sito web: www.inars.it

CATALOGO: edizione limitata di scatole-contenitori realizzate da Giuseppe Graziosi. Introduzione di Fabio Pizzicannella, presentazione e schede storico artistiche di Giulia Tulino(€ 10)

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Voglia di tenerezza

Ormai notte l’oscurità riempiva la casa come un liquido denso.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]