Giovedì, 06 Luglio 2017 14:45

Mostra fotografica: Di liberazione in liberazione"

Scritto da

Espone il fotografo Alessio Duranti da sabato 15 luglio a sabato 29 luglio presso la Sala di Cultura a San Gimignano (SI) 

Il 13 luglio 1944 le truppe alleate, con l’aiuto delle locali formazioni partigiane, hanno liberato San Gimignano dall'occupazione nazi-fascista. La città turrita celebra il 73° Anniversario dalla propria Liberazione sabato 15 luglio alle ore 21.30, in piazza Duomo. Porteranno il loro saluto il sindaco Giacomo Bassi e il Presidente della sezione di San Gimignano dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia Guido Lisi ed interverrà Mauro Venturi, sindaco di Alfonsine. La ricorrenza si concluderà con un concerto di musiche resistenti a cura della Filarmonica «Giacomo Puccini» di San Gimignano, diretta dal maestro Massimo Ceccarelli, e della «Corale Sangimignanese», diretta dal maestro Stefano Cencetti.

Nel gennaio 1945, sei mesi dopo aver contribuito ad allontanare gli occupanti tedeschi e i fascisti aderenti alla Repubblica Sociale Italiana dal proprio paese, 58 giovani sangimignanesi si sono arruolati come volontari nel “Nuovo Esercito Italiano di Combattimento e di Marina”. Hanno partecipato allo sfondamento della “Linea Gotica” e, il 10 aprile 1945, hanno liberato la città di Alfonsine.

Da questa storia nasce la mostra “DI LIBERAZIONE in LIBERAZIONE. San Gimignano – Alfonsine”, con le fotografie di Alessio Duranti. L'inaugurazione si terrà sempre sabato alle ore 17.30 in Sala di Cultura (via San Giovanni) e la mostra rimarrà aperta, ad ingresso gratuito, fino a sabato 29 luglio. Nei suoi scatti il fotografo senese racconta le commemorazioni del 72° Anniversario della Liberazione di Alfonsine, tenutesi lo scorso 10 aprile, e la partecipazione della delegazione sangimignanese. Dal 2010 il Duranti ha iniziato un progetto fotografico sulla memoria dal titolo “… Nel Cuore del futuro”, un percorso di ricerca, tuttora in divenire, che lo sta portando a fotografare la partecipazione alle ricorrenze nei luoghi fondamentali della resistenza italiana e a seguire le manifestazioni e le celebrazioni organizzate dall'ANPI. Nelle sue foto in bianco e nero Duranti immortala le immagini attuali della Resistenza e dell'Antifascismo per descrivere il significato di fare memoria oggi.

Nonostante il passare del tempo, “Di LIBERAZIONE in LIBERAZIONE” mostra come gli ideali che hanno spinto quei 58 giovani volontari sangimignanesi a lasciare il proprio paese per andare a liberare il resto dell'Italia siano ancora condivisi e meritino di essere tramandati in una sorta di passaggio di testimone generazionale. Separate dall'Appennino, Alfonsine e San Gimignano sono indissolubilmente legate dal loro vissuto. Le foto di Duranti hanno immortalato la festa per i 72 anni della Liberazione di Alfonsine e sono esposte in occasione del 73° anniversario della Liberazione di San Gimignano: la storia di questi due piccoli centri italiani si rinnova di anno in anno e di celebrazione in celebrazione perché è ricordando il proprio passato che è possibile guardare al futuro, di Liberazione in Liberazione.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Roma. “La grande monnezza”, decalogo di un degrado da Oscar

Paolo  Sorrentino non ce ne voglia, ma il titolo del suo fortunato film non poteva non diventare il punto di partenza di una serie di calembour che giocano sulla rima...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Roma, “la grande secchezza”

I primi ad accorgersi del problema sono i turisti, che non trovano più le celebri fontane di Roma dove sguazzare per rinfrescarsi dopo il tour de force fra Colosseo, Foro...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

L’arte come mediazione e stimolo sociale

Il caso Piazza dell’Immaginario nelle parole della curatrice Alba Braza

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208