Sabato, 28 Aprile 2012 10:32

“Silent souls”: in un film esemplare l’amore che sopravvive alla morte. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Arriva dalla Russia un film esemplare, passato in concorso alla Mostra del cinema di Venezia di due anni fa e meritatamente premiato per la migliore fotografia.

A metà strada fra un testo poetico e un saggio di antropologia, Silent souls di Aleksei Fedorchenko racconta il viaggio di due uomini, Aist e Miron, per raggiungere un lago, dove cremare il corpo di Tanya, l’amata compagna di Miron. Il distacco dalla donna sarà dettato dai rituali dei Merja, un’antica etnia ugro-finnica che popolava 400 anni fa le regioni della Russia europea meridionale, tra le città di Rostov, Kostroma e Yaroslav. Secondo la cerimonia, il corpo del defunto viene lavato e ornato come una sposa la mattina delle nozze, con dei fili colorati legati ai peli del pube. Ad accompagnare i due uomini saranno due zigoli, passeri giallo-verdi che Aist ha comprato per strada pochi giorni prima della morte di Tanya.


Il viaggio sarà l’occasione per Miron di ripercorrere la sua storia d’amore con Tanya e di svelare al suo amico tutti i dettagli più intimi della loro relazione, sempre secondo l’usanza del rito Merja; mentre per Aist sarà il pretesto per rievocare le figure dei genitori: il padre, poeta non compreso e isolato dagli abitanti del suo villaggio, e la madre, morta di parto e sepolta in acqua insieme al neonato quando Aist era solo un ragazzo. Quello che colpisce nel racconto di Fedorchenko, tratto dalla novella “Ovsjanki” (che significa ‘zigoli’, in russo) di Aist Sergeev, è la compostezza e la familiarità con cui viene affrontata la morte. Non c’è spazio per la disperazione ma solo per la nostalgia e i ricordi che trascinano ancora in vita i defunti per alcuni lunghi attimi. Il trapasso è vissuto con spiritualismo laico: i Merja – recita Aist che nel film ricopre il ruolo di narratore – non hanno divinità, ma contano solo sull’amore reciproco. Il dolore trascolora così nella tenerezza, nell’affetto provato per il morto, anche grazie al conforto della natura, una selva di elementi che sopravvive agli uomini e che rende la morte più dolce.     


Scheda tecnica

Silent Souls
Titolo originale:  Ovsyanki
Nazione:  Russia
Anno:  2010
Genere:  Drammatico
Durata:  75'
Regia:  Aleksei Fedorchenko   
Cast:  Igor Sergeyev, Yuriy Tsurilo, Yuliya Aug, Victor Sukhorukov
Produzione:  Aprel MIG Pictures, Media Mir Foundation
Nelle sale il 25 maggio


 Silent  souls, trailer in lingua originale

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]