Giovedì, 17 Maggio 2012 14:59

“Variabili femminili. Di madre in figlia, storie di donne in tre generazioni”

Scritto da

Barbara Enrichi in veste di regista


    “Variabili femminili. Di madre in figlia, storie di donne in tre generazioni” con Barbara Enrichi in veste di regista.

    Lunedì 14 Maggio 2012 sono iniziate le riprese del documentario dal titolo:  “Variabili femminili. Di madre in figlia, storie di donne in tre generazioni”, si propone di dar voce ai racconti, alle esperienze, alle sensibilità, ai cambiamenti che hanno caratterizzato i percorsi di vita di quattro generazioni di donne, dai primi del Novecento ai giorni nostri, che vivono nel territorio di Barberino e Tavarnelle. Fino a domani saranno intervistate quattordici donne di quattro diverse famiglie in un passaggio di vita che attraversa tre e in alcuni casi quattro generazioni. Le protagoniste sono Felida Bandoni, Patrizia Fontirossi, Francesca Fusi, Emilia Marchi, Anna Becucci, Ilaria Micheli, Maria Orfella Mori, Ida Zani, Giulia Mulas, Gloria Mulas, Laura Cavini, Anna Maria Canacci, Antonella Biliotti, Samanta Apostolico.     Documentario fortemente voluto dal Coordinamento Donne Arci La Rampa di Tavarnelle Val di Pesa e dall’Unione Comunale del Chianti Fiorentino di Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle Val di Pesa.

    La ripresa finale del documentario avverrà venerdi 18 maggio 2012 alle ore 20.00 in Piazza Matteotti a Tavarnelle Val di Pesa, nell'occasione verranno liberati in cielo palloncini bianchi con appesa una cartolina in cui ogni donna ha scritto il proprio messaggio di augurio per un futuro migliore per le donne di domani, come messaggio di speranza da parte delle donne di oggi. Oltre che invitare ogni donna a diventare protagonista del proprio territorio.

    Barbara Enrichi ancora protagonista dietro la macchina da presa. Barbara Enrichi è affermata attrice di cinema, televisione e teatro. Ha interpretato molti film di successo a fianco di attori di fama nazionale e internazionale, lavorando con registi di grande calibro. Vincitrice del prestigioso Premio David di Donatello per il film, campione d’incassi, “Il ciclone” di Leonardo Pieraccioni e candidata al Premio Nastro d’Argento per l’interpretazione del ruolo di Selvaggia, nel 2010 le è stato assegnato il Premio Sorelle Gramatica alla Carriera. Barbara Enrichi è un’attrice molto apprezzata sia dal pubblico, che dalla critica e nonostante il grande successo sia arrivato con i ruoli brillanti è interprete stimata anche per i ruoli drammatici, grazie alla sua esperienza maturata in teatro con Ugo Chiti.

    Nei giorni scorsi protagonista della presentazione ufficiale del Cd-Audiolibro “Tutta colpa dell'Amore” nella Sala degli Affreschi nel Palazzo della Regione Toscana a Firenze.

    "Tutta colpa dell’Amore" (Centosuoni / Emons – Audio-libro) nato per iniziativa di Marinella e Roberto Ferri. Lo scopo è quello di diffondere, attraverso la musica, se possibile, la cultura della donazione di organi in un momento assai drammatico per i trapianti: negli ultimi due anni infatti le donazioni hanno registrato un diffuso calo su scala nazionale con conseguenze facilmente immaginabili. Sensibilizzare la cittadinanza all'importanza della donazione degli organi come possibilità di salvare vite umane, quando purtroppo una vita se ne è andata. Infatti, ancora corrono dicerie infondate che gli organi possano venir prelevati a pazienti che ancora abbiamo qualche possibilità di riprendersi (notizia del tutto falsa), ma per questo motivo e per un, parzialmente comprensibile, timore atavico a parlare della morte, ancora oggi si incontra opposizione alla possibile donazione. Questo fa sì che negli ultimi anni in Italia le donazioni non siamo aumentate (anzi, lievemente diminuite) con conseguente impossibilità di salvare vite umane con trapianto di cuore o fegato o polmoni.
    La partecipazione a questo progetto è stata importante: Nabil Salameh, Debora Caprioglio, Ivana Barcellesi, Florian Picq, Lorenzo Visci, Marco Alemanno, Lucio Dalla, Alda D’Eusanio, Claudio Borgianni, Matteo Belli, Barbara Enrichi, Ezio Alessio Gensini, Morgane Girardin, Erri de Luca, Felice del Gaudio, Pierre Julien Echeveste, Irene Bellini, Tiziana Proto, Adelaide Gallo, Elisabetta Pasquali, Martina Maurizzi, Marinella Ferri, Andrea “Otto” Salvato, Luca Bignardi, Giuseppe Donnici, Rose Marie Lagana, Leonardo Santoli, Daniela Boccadoro, Anton Berovski, Carla Gravina, Giuseppe Barbera, Alessandro Altarocca, Michele Gammino, Francesco Villella, Roberto Costa, Gabriel Zagni, Eleonora Brigliadori, Aldo Azzaro, Piera Degli Esposti, Dacia Maraini, Catherine Marchand, Franco Battiato, Valeria Ianniello, Marco Ferri, Luca Barbarossa, Mogol, Vasily Biserov, Federico Aicardi, Marco Marcheselli, Iskra, Manlio Sgalambro.

Ezio Alessio Gensini

Giornalista, poeta, regista, sceneggiatore. Narratore di vicende sportive e divulgatore scientifico. Apolide. Vive a Křivoklát (Boemia).

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]