Domenica, 21 Aprile 2013 10:03

Casa delle culture. “Delirio a due”. Ionesco a Trastevere

Scritto da

ROMA - Due amanti Marco Carlaccini “lui” e Patrizia D’Orsi “lei”,  siedono in uno spazio spoglio,  circondati dai tremori delle granate,  dai rumori degli spari,  ma non sembrano partecipare al dramma, presi dai loro individualismi, insensibili alla morte che li circonda.

Da anni si insultano ,  chiusi in un egoismo che li rende sordi alla realtà. Feroci, l’uno verso l’altro, mentre il mondo scivola  loro addosso: un vero “Delirio a due”, un gioco al massacro senza esclusione di colpi. Lei si passa ossessiva il rossetto sulle labbra, abitudine necessaria alla sua vita di apparenza, lui grida,  sapendo di non essere ascoltato.

In “Delirio a due” Ionesco sottolinea la stupidità, l’incomunicabilità, la disperazione, la grettezza di esseri umani chiusi in perimetri asfittici.. La “Casa delle culture”, suggestivo teatro di cantina, accoglie i due versatili attori, stagliati in una scenografia minimal, fatta di luci e ombre, video e suoni.

A cinquant’anni dalla sua pubblicazione, l’opera di Ionesco è resa viva dalla regia di Marcello Cava, la  colonna sonora è  di Andrea Petricca.  Video, audio e luci di Giuseppe Romanelli .

Casa delle culture fino al 21 aprile - Roma

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]